spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fiom Cgil Toscana: “La camperistica dentro il tavolo dell’automotive e della transizione energetica”

    "Abbiamo inoltre chiesto alla Regione Toscana di convocare tutte le aziende del settore per definire delle regole circa la stabilizzazione degli oltre 420 contratti a rischio in Toscana"

    FIRENZE – Si è tenuto ieri, mercoledì 25 maggio, il primo tavolo regionale per il settore della camperistica alla presenza delle organizzazioni sindacali (Fiom Cgil, Fim Cisl, e Uilm Uil) della Toscana, i delegati Rsu, il consigliere regionale Valerio Fabiani, l’assessore Leonardo Marras.

    “La Regione Toscana – dice Iuri Campofiloni, coordinatore per la camperistica Fiom Cgil Toscana – si è dichiarata disponibile a coordinarsi con la Regione Abruzzo, dove si è recentemente tenuto un tavolo analogo per lo stabilimento Trigano di Atessa”.

    “Il presidente Giani e l’assessore Marras – si annuncia – congiuntamente ai loro colleghi della Regione Abruzzo, faranno richiesta al Ministro dello Sviluppo Economico, Giorgetti, di inserire il settore della camperistica nell’attuale tavolo di lavoro sull’automotive e la transizione energetica, che è già stato attivato al MiSe”.

    “È calendarizzato per giugno – prosegue Campofiloni – il confronto tra Fiom Fim e Uilm Nazionali e Governo. Chiediamo, insieme alla Regione Toscana e Abruzzo, che il confronto sul settore della camperistica si inserisca in quel tavolo di lavoro sull’automotive e la transizione energetica”.

    “Abbiamo inoltre chiesto alla Regione Toscana – viene annunciato – di convocare tutte le aziende del settore per definire delle regole circa la stabilizzazione degli oltre 420 contratti a rischio in Toscana, chiedendo che venga esteso alle altre aziende all’accordo in uso attualmente in Laika”.

    “Tale accordo – ricorda Campofiloni – prevede un bacino con graduatorie per mansione e anzianità, con obbligo da parte dell’azienda di stabilizzazione al raggiungimento di 24 mesi effettivi di anzianità aziendale e diritto di precedenza al richiamo in caso di stop produttivo”.

    “C’è necessità – si rilancia – di garantire l’occupazione e quindi di fare uscire dalla precarietà questi 420 lavoratori. Di fronte al boom di mercato dei mezzi, questi lavoratori sono essenziali per rispondere ad una domanda in forte espansione”.

    “L’incontro di ieri – conclude – è stato il risultato di tre anni di lavoro e dimostrano che, quando l’organizzazione sindacali è funzionale ai propri lavoratori e delegati, si possano portare anche settori di nicchia, come quello della camperistica, all’interno di tavolo di confronto nazionali”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...