spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 16 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    IT-Alert, Giani: “Successo per il test di messaggistica di Protezione civile”

    "Si riscontrano - fanno sapere dalla Regione - alcune differenze nel funzionamento del test a seconda degli operatori telefonici"

    FIRENZE – Oggi, mercoledì 28 giugno alle ore 12 e qualche minuto, tutti (o quasi)gli smartphone agganciati a cellule telefoniche toscane hanno ricevuto in contemporanea un messaggio.

    Un messaggio di allerta, con una sirena. Che per uno strano scherzo del destino è arrivato pochi minuti prima della scossa di terremoto con epicentro a Poggibonsi e sentita in quasi tutte le province di Siena e Firenze.

    “Si riscontrano – fanno sapere dalla Regione – alcune differenze nel funzionamento del test a seconda degli operatori telefonici”. 

    E’ stata la prima prova di portata regionale in Italia del sistema IT-Alert, messo a punto dal Dipartimento nazionale di Protezione civile, in collaborazione con la Protezione civile regionale per avvisare in tempo reale i cittadini in caso di emergenze, eventi catastrofici imminenti o in corso.

    “Tutti hanno potuto vedere sul telefonino il messaggio di IT-Alert e sentire la segnalazione acustica. Naturalmente non c’è da preoccuparsi, si tratta di una sperimentazione che la Protezione civile nazionale ha voluto sperimentare per la prima volta a livello regionale in  Toscana”, ha spiegato il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani, che ha atteso l’arrivo del messaggio in piazza Duomo a Firenze, tra cittadini e turisti, insieme all’assessora regionale alla protezione civile Monia Monni e al direttore d’area del settore Difesa del suolo e Protezione civile Giovanni Massini.

    “Questo – ha aggiunto Giani –  sarà in futuro il modo con cui in futuro davanti ad una grave calamità naturale o ad un grosso incidente la Protezione civile cercherà di entrare in contatto con tutte le persone che si trovano in un determinato territorio, non solo i residenti ma anche chi ci si trova temporaneamente per lavoro o per turismo”.

    “Servirà per avvertire tempestivamente e per avvisare sui comportamenti corretti da tenere – ha rimarcato – Abbiamo sempre più bisogno di questi strumenti perché sempre più i cambiamenti climatici stanno provocando emergenze più frequenti che in passato. Se siamo stati scelti è perché la nostra Protezione civile è stata ritenuta in grado di gestire questa situazione e ringrazio il Capo Dipartimento Curcio per la sua fiducia”.      

    “I cittadini sono parte attiva del sistema di Protezione civile – ha ricordato l’assessora Monni – e un allerta adeguato e precoce che indichi anche quali sono i giusti comportamenti     può essere uno strumento fondamentale di autotutela e autoprotezione. It Alert è un test. I cittadini possono aiutarci a migliorarlo riempiendo il questionario che troverete alla pagina www.it-alert.it. Per noi sarà un contributo preziosissimo per far diventare questo strumento sempre più efficace”.

    Anche chi non ha ricevuto il mesaggio può contribuire alla raccolta di informazioni riempiendo il questionario alla pagina www.it-alert.it.    

    IT-Alert funziona tramite un sistema broadcast che tutela la privacy: non vengono memorizzati numeri di telefono, ma prevede che tutte le cellule telefoniche di una determinata area in un momento concordato inviino simultaneamente a tutti i cellulari a loro agganciati un testo che fornisce loro informazioni e istruzioni.     

    Il sistema IT-Alert è stato testato su scala locale nel 2022 a Vulcano, simulando un’eruzione, e nella Provincia di Reggio Calabria, simulando un terremoto nell’area dello Stretto. A quello toscano seguiranno altri test di portata regionale in Sardegna, Sicilia, Calabria, Emilia Romagna. Questa fase di sperimentazione del sistema IT-Alert durerà fino al 13 febbraio 2024.     

    IT-Alert non sarà utilizzato per tutte le tipologie di eventi catastrofici ma solo in caso di maremoto generato da un sisma, collasso di una grande diga, attività vulcanica (Vesuvio, Campi Flegrei, Vulcano, Stromboli), incidenti nucleari o situazione di emergenza radiologica, incidenti rilevanti in stabilimenti industriali, precipitazioni intense.

    L’utilizzo di IT-Alert è escluso per eventi a elevata incertezza, fortemente localizzati o con un margine assai breve di prevedibilità. Per ogni tipologia di rischio sono in corso di predisposizione indicazioni operative del Capo del Dipartimento della Protezione Civile Nazionale.

    Il servizio funziona con tutti gli smartphone (ma non con i vecchi cellulari) in quanto conforme allo standard internazionale “Common Alerting Protocol” che garantisce la completa interoperabilità con altri sistemi di divulgazione di allerte e allarmi di emergenza e avvisi pubblici, nazionali e internazionali.

    Le notifiche push, sono un tipo di messaggistica istantanea che permette di inviare un messaggio all’utente attraverso la connessione ad internet. Sono dette notifiche push in quanto il messaggio arriva viene spinto all’utente senza che debba effettuare alcuna azione specifica di scaricamento (pull). E’ attivo sia su sistemi Android che Ios.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...