spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ecco il panino al lampredotto più grande del mondo: 70 kg e 1,20 metri di diametro

    FIRENZE – 1,20 metri di diametro e 70 kg: è il panino al lampredotto più grande del mondo.

    Una bontà da guinness dei primati che è stata preparata e mangiata sabato 26 ottobre alle Murate, al Caffé Letterario a Firenze.

    Per una tradizione, quella del panino con il lampredotto, fortemente radicata anche nella campagna chiantigiana, in particolare ai mercati settimanali e nelle piazze dei comuni del Chianti fiorentino.

    L’iniziativa è stata promossa dall’associazione culturale Bang, il Quartiere 1 e realizzata grazie alla collaborazione con Conad, La Buticche di’ Lampredotto di San Frediano, MegaMagie del Pane e Bambi-Tripperia Fiorentina. L’occasione è stata la Giornata nazionale delle Tradizioni Popolari.

    “Il lampredotto è il simbolo della cucina povera da strada – ha commentato Mirco Rufilli, consigliere comunale e ideatore della festa – ma è soprattutto condivisione, è l’essenza di una fiorentinità autentica. Un valore identitario a cui non rinunciamo e che anzi intendiamo valorizzare. Per questo sarebbe importante realizzare finalmente un consorzio del lampredotto, una struttura cittadina che sia in grado di rafforzare la tutela del prodotto e promuovere questa tradizione in maniera capillare e organizzata”.

    “Quando la nostra tradizione gastronomica si sposa con eventi come questo non possiamo che esserne al fianco – ha detto l’assessore alle attività produttive del Comune di Firenze Federico Gianassi – Street food fiorentino per eccellenza, il panino con il lampredotto questa volta sfida se stesso con questo mega panino. Sarà una bella occasione per valorizzare uno dei nostri più gustosi piatti nella giornata dedicata alle tradizioni popolari”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...