spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Paesaggio del Chianti patrimonio Unesco, il sindaco di Gaiole: “Aderiamo con entusiasmo”

    Svolta gaiolese, con l'adesione al percorso degli altri comuni, Regione e Consorzio: "Parteciperemo da protagonisti"

    GAIOLE IN CHIANTI – Anche il Comune di Gaiole in Chianti sostiene la candidatura del Chianti Classicoa patrimonio Unesco. E si tratta di un sostegno per niente scontato, visto che nei mesi, anni precedenti, il comune gaiolese si era sempre sfilato da questo progetto.

    La giunta comunale ha approvato con il parere positivo della conferenza dei capigruppo, la relativa delibera che prevede l’adesione alla schema di protocollo d’intesa tra le amministrazioni comunali, la Regione Toscana, il Consorzio Vino Chianti Classico e la Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classico Onlus.

    E prende quindi il via ufficialmente il percorso per inserire il “Paesaggio culturale del Chianti classico” nella lista del patrimonio mondiale dell’Unesco con la notizia che anche la Regione Toscana ha ufficialmente approvato lo schema di Protocollo d’Intesa.

    # Paesaggio, avviato il percorso per inserire il territorio del Chianti Classico nel Patrimonio Unesco

    # Paesaggio Chianti Classico patrimonio Unesco, la Fondazione: “Progetto corale per il territorio”

    Il protocollo stabilisce l’impegno comune di tutti i firmatari a collaborare ognuno nell’ambito delle proprie competenze per la predisposizione della candidatura del “Paesaggio culturale del Chianti Classico” nella lista propositiva italiana, chiamata Tentative List, e la successiva presentazione per l’iscrizione nella lista del Patrimonio mondiale, culturale e naturale dell’Unesco o World Heritage List.

    La Regione Toscana svolgerà un ruolo determinante, insieme alla Fondazione per la Tutela del Territorio del Chianti Classico onlus, nella gestione dei rapporti istituzionali con le autorità pubbliche preposte al riconoscimento della candidatura, in particolare con la Commissione Nazionale italiana Unesco.

    Gli altri Comuni aderenti oltre a Gaiole in Chianti sono: Barberino Tavarnelle, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Greve in Chianti, Radda in Chianti, San Casciano.

    “Considerando anche l’orientamento della Regione Toscana, Gaiole in Chianti aderisce con entusiasmo alla candidatura del Chianti Classico a Patrimonio Unesco – commenta il sindaco di Gaiole in Chianti Michele Pescini – e lo farà partecipando da protagonista, con un impegno attivo affinché non solo questo percorso possa andare a buon fine, ma soprattutto cercando di garantire ricadute positive per il territorio in termini economici, ambientali e di identità e coscienza collettiva”.

    “La Regione Toscana – prosegue Pescini – con l’interessamento diretto del presidente Eugenio Giani, ha dato un imprinting forte alla definizione del Protocollo d’Intesa concretizzando il processo di candidatura”.

    “Di fronte a un progetto di tale portata – prosegue il sindaco – per l’intera regione e per la sua crescita socio-economica Gaiole in Chianti non può che dare la sua convinta e unanime adesione, mettendosi a disposizione e credendo nel buon esito finale di questa candidatura”.

    “Una candidatura – rimarca – che ha senza dubbio un valore riconosciuto e sovraregionale, dal momento che quello del Chianti Classico è un marchio di livello internazionale che ben rappresenta l’Italia nel mondo”.

    “In un momento storico così delicato – conclude Pescini – sentiamo il dovere di essere responsabili spendendo le nostre energie in maniera costruttiva e collaborativa, provando a disegnare prospettive di crescita per le comunità che rappresentiamo”.

    Paesaggio gaiolese, foto di Giorgio Galeotti

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...