spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inaugurato il ristorante di Stefano e Patrizia: aperto anche per le merende

    Questa è la storia di un sogno, di un ristorante che è un qualcosa di più di un semplice luogo di lavoro. Una storia che ha vissuto un secondo "start" giovedì 14 marzo, ma che parte da molto lontano… sempre nel territorio di Greve in Chianti.

     

    “Dopo anni passati dietro ad una scrivania dovevamo fare qualcosa che ci appagasse di più”. E così, visto che Stefano conosceva il lavoro in sala lavorando come cameriere nel fine settimana e Patrizia, amante della cucina, organizzava cene deliziando amici e parenti che facevano da cavie… si sono messi in cerca di una soluzione per realizzare il loro sogno: un ristorantino in campagna.
     

    Nel 1993 Patrizia trova un annuncio sul quotidiano di Firenze che fa al caso loro, e così nel giro di un mese ecco che il sogno si è realizzato: l’8 dicembre 1993 comincia l’avventura, dando vita alla "Locanda Borgo Antico" di Lucolena, divenuto la meta preferita degli appassionati dell'antica cucina toscana e di chi ama mangiar bene.

     

    Dopo ben 19 anni Stefano e Patrizia incontrano, come molti commercianti italiani, le difficoltà causate dall’attuale  economia italiana, ma la passione per il proprio lavoro e l’amore per le cose che fanno non diminuiscono! Ed è proprio per questo che è il momento di spostarsi… poco più in là, in località Sugame, rilanciando il ristorante Borgo Antico. Nella nuova location trova il suo spazio anche “La sosta del Viandante”, dove potrete soddisfare il vostro palato anche per una merenda “fuori orario”.

     

    "Sono Stefano – dice il proprietario del ristorante "Borgo Antico" – titolare del locale insieme a mia moglie Patrizia. Per una corretta divisione dei compiti, mi trovate al vostro arrivo, ad accogliervi e consigliarvi secondo i vostri gusti e preferenze (evitate però di chiedermi una Fiorentina “ben cotta”, perché non è proprio quello che mi piace portare in tavola ad amici e clienti). Da buon toscanaccio dicono ch’io abbia sempre la battuta pronta, comunque sia faccio del mio meglio per intrattenere i nostri ospiti cercando di offrire, oltre ad un buon pasto, anche un po’ della nostra familiarità".

     

    "Per fortuna che ci pensa mio marito Stefano a intrattenere i clienti – sottolinea Patrizia – È bene che ognuno faccia quello che sa meglio fare… Ed io cucino! Mi trovate dietro la parete trasparente a “spadellare” un bel filetto ai funghi o il granfritto toscano. Adoro aggiungere un pizzico di mio ad ogni ricetta proposta, lasciando alla tradizione l’importanza dovuta. Non mancherò, quando possibile, di un giro in sala per assicurarmi di aver messo nel vostro piatto tutta la passione che il mestiere mi ha portato nelle mani".

     

    L'ultimo arrivato è Fabio, "senza scuola né esperienza – dice – ma ho saputo rubare con gli occhi e con la pratica i trucchi di Patrizia, trovando anche io il mio spazio tra i fornelli. Cucino con Patrizia tutto quello che vi arriva in tavola e seguo con cura ogni passo della preparazione della linea: preparo la pasta fresca, i sughi, sbuccio le patate… perché anche quello va saputo fare".

     

    Infine c'è Mariana, che lavora al "Borgo Antico" da 15 anni: "Quando sono arrivata sono stata travolta dal calore e familiarità di Stefano e Patrizia. In principio è stato uno shock, visto che il mio carattere tendeva al timido e riservato… poi piano piano mi hanno contagiata ed adesso anche io ho raggiunto il mio livello di loquacità fiorentina”.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua