spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Genitori bimbi asili nido: “Lasciati a noi stessi, senza alcuna informazione”

    "Gli impegni presi nel consiglio comunale straordinario disattesi. Non ci hanno dato neanche un appuntamento"

    GREVE IN CHIANTI – Poche righe. Che però scavano un solco ancora più profondo, probabilmente non più colmabile, fra i genitori dei bambini che frequentano gli asili nido "Il Riccio" e "La Coccinella", e l'amministrazione comunale grevigiana.

     

    "A sei giorni dal consiglio comunale straordinario richiesto dai genitori delle bambine e dei bambini dei nidi di Greve – scrivono le famiglie – niente è cambiato.  Nonostante le nostre ripetute richieste, il Comune non ci ha neppure dato un appuntamento, disattendendo la promessa di aggiornarci settimanalmente sugli sviluppi della vicenda".

     

     

    "Contestualmente – proseguono – sappiamo che all’inizio della prossima settimana il Comune si recherà nei locali scolastici per inventariare gli oggetti, evidentemente perché ormai ha deciso di non fare nulla per garantire la continuità educativa, come invece aveva promesso e votato all’unanimità nel consiglio di venerdì 7 dicembre". 

     

     

    "Non solo – rilanciano – Il Comune sta continuando a lasciare senza alcuna informazione le famiglie rispetto alla nuova gestione che partirà a gennaio: non conosciamo il personale, non sappiamo come intende inserire i bambini, niente".

     

    "Evidentemente – concludono duramente – le parole del sindaco, dell’assessore Esposito e del consiglio comunale non valgono nulla, ce lo hanno dimostrato ripetutamente, a nostre spese".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...