spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 21 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Greve in Chianti piange i suoi cittadini morti a causa del Coronavirus

    Due donne di 93 e 95 anni e un uomo di 85 hanno perso la vita per l'infezione da Covid-19

    GREVE IN CHIANTI – Cordoglio del Comune di Greve in Chianti per i concittadini scomparsi a causa del contagio epidemico da Coronavirus.

     

    Con il secondo e terzo decesso, avvenuti nella notte tra sabato e domenica scorsi, Greve è il territorio del Chianti fiorentino più colpito dagli effetti letali del Covid-19.

     

    Il primo cittadino, di sesso maschile, C.A. di 85 anni, aveva perso la vita alcuni giorni fa, nella struttura ospedaliera di Careggi, dove era ricoverato a causa di malattie pregresse.

     

    Per le altre due anziane del territorio il momento di dire addio, determinato dall’infezione contratta da Coronavirus, è arrivato a Greve in Chianti nei rispettivi domicili. Si tratta di M.R. di 93 anni e L.L. di 95 anni.

     

    “Greve in Chianti piange i suoi cittadini morti per Coronavirus – dichiara il sindaco Paolo Sottani – esprimiamo tutta la nostra vicinanza alle famiglie dei concittadini che non ce l’hanno fatta, siamo profondamente addolorati per la loro scomparsa, inserita in un contesto di lutto collettivo".

     

    "Purtroppo – riprende il sindaco – la situazione dell’emergenza complica e accentua il cordoglio per l’impossibilità di recarsi personalmente e dare l’ultimo saluto ai concittadini vittime dell’infezione”.

     

    Domani, martedì 31 marzo alle ore 12, il sindaco Sottani, come gli altri colleghi italiani che aderiscono all’iniziativa lanciata dal presidente dell’Anci nazionale Antonio Decaro, si fermerà davanti al proprio palazzo comunale con la bandiera a mezz’asta per osservare il minuto di silenzio nel ricordo delle vittime del Coronavirus.

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...