spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pd-Psi: “Centrodestra e M5S, allibiti dalle vicende politiche di questi giorni”

    "Candidati estranei al contesto grevigiano da una parte; paradosso Cinquestelle dall'altra. La politica è cosa seria"

    GREVE IN CHIANTI – "Rimaniamo sinceramente allibiti dalle vicende politiche a cui stiamo assistendo negli ultimi giorni in vista delle prossime elezioni per il Comune di Greve in Chianti".

     

    A parlare sono Pd e Psi, che sostengono Paolo Sottani nella "corsa" al secondo mandato. Che in questi giorni hanno osservato le faide nel centrodestra, l'ufficializzazione del M5S delal sua assenza alle urne amministrative. E che, a freddo, fanno le loro riflessioni.

     

    "Da una parte – iniziano – il centrodestra, dopo mesi di discussioni, sceglie come proprio rappresentante per la corsa elettorale un candidato di Scandicci, totalmente estraneo al contesto grevigiano, e inizia la campagna riempiendo i giornali delle liti tra i suoi protagonisti".

     

    "Come se non bastasse – tengono a dire – la lista di centrodestra non è stata in grado di trovare neanche un proprio consigliere per l'autenticazione delle firme necessarie alla presentazione. Vogliamo per questo ringraziare Ilary Scarpelli, consigliere comunale e candidata nella nostra lista, che per dovere istituzionale ha accettato di autenticare le loro firme".

     

    Poi passano all'altro "capitolo": "Dall’altra – dicono – il MoVimento Cinque Stelle annuncia l’impossibilità di partecipare alle elezioni per motivi personali. Senza voler ridimensionare l’entità delle difficoltà (esprimiamo anzi, per prima cosa, tutta la nostra solidarietà e vicinanza a Sonia Butini), ci sembra paradossale che una forza che cinque anni fa ha raccolto a Greve l’11% dei voti e che, in conseguenza di questo risultato, esprime due rappresentanti in consiglio comunale, non riesca oggi neppure a presentare una lista di candidati per i problemi personali di uno dei suoi attivisti".

     

    "Non ci rimane che pensare – sostengono – che, al di là dei tanti proclami, né il centrodestra né il Movimento Cinque Stelle siano riusciti a costruire in questi cinque anni un vero e proprio radicamento politico nel Comune di Greve (come, del resto, in molti Comuni del Chianti)".

     

    "Ci permettiamo di suggerire quindi – concludono Pd e Psi grevigiani – ai rappresentanti delle due forze politiche di opposizione che, prima di promettere rivoluzioni e cambiamenti epocali nella gestione del Comune, cerchino di rendersi credibili ai cittadini organizzando seriamente la propria presenza sul territorio. Perché la politica è una cosa seria e non si improvvisa a un mese dalle elezioni".

     

    ARTICOLI CORRELATI

     

    – Volano gli stracci nel centrodestra: "Verniani, comportamento grottesco"

     

    – M5S, Sonia Butini: "Non saremo presenti a Greve ma solo per problemi personali"

     

    – Simone Verniani: "La mia correttezza. E come mi sono dimesso dalla Lega"

     

    – Il centrodestra: "Triste che Verniani si sia anche rifiutato di autenticare le firme"

     

    – Indiscrezione: Simone Verniani starebbe pensando di candidarsi con una lista…sua

     

    – Caos centrodestra a Greve. Verniani: "Non mi candido in lista. Non usino il mio nome"

     

    – Niente Simone Verniani: il centrodestra a Greve in Chianti candida Claudio Gemelli

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...