spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arrivano da tutto il mondo: ancora possibile candidarsi come assistenti durante la loro settimana di riprese

    GREVE IN CHIANTI – Selezionati e comunicati ufficialmente i nomi degli otto registi in gara per la prima edizione dello Slow Movie Contest, organizzato da La Macina di San Cresci di Greve in Chianti.

     

    Registi che vivranno per una settimana nel nostro territorio, ospiti delle nostre strutture, per girare un cortometraggio sul tema "Arti e Mestieri del Chianti".

     

    Ed ecco quindi che Alina Gorlova (Ucraina) andrà a Radda in Chianti, Silvio D'Angelo a San Casciano, Gina Marie Napolitan (Usa) a Castellina in Chianti, Cristian Bisceglia a Tavarnelle, Riccardo Salvetti a Barberino Val d'Elsa, Amanda Rodriguez Lorenzo (Spagna) a Greve, Romina Contempomi (Regno Unito) a Castelnuovo Berardenga, Riccardo Banfi a Gaiole in Chianti.

     

    Inoltre, Slow Movie Contest cerca otto giovani volontari per affiancare i registi durante la loro settimana di soggiorno. Otto giovani assistenti che abbiano voglia di partecipare ad una piccola produzione cinematografica aiutando i registi a ambientarsi nel proprio paese, e a interagire con le aziende o gli artigiani che saranno l'oggetto delle riprese.

     

    I candidati ideali sono preferibilmente aspiranti filmmakers o giornalisti, che avrebbero così l'opportunità di fare un'esperienza su un set o di raccontarla attraverso articoli che verranno pubblicati sul Gazzettino del Chianti. E' preferibile che i candidati siano automuniti e residenti nei comuni coinvolti da Slow Movie Contest.

     

    Per candidarsi a partecipare o avere maggiori informazioni: www.slowmoviecontest.org, info@slowmoviecontest.org.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...