spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Addio Bianca Poggi: a 94 anni Impruneta dà l’ultimo abbraccio alla sua “Bollettina”

    Insieme al marito Emilio Giani ha gestito un negozio storico di frutta e verdura in via della Croce, dal 1946 al 1980: luogo di vendita, ma anche di informazioni. "L'ho sentito dire da..."

    IMPRUNETA – E’ scomparsa all’età di 94 anni Bianca Poggi, figura storica del paese di Impruneta.

    Bianca, conosciuta anche come “Bullettina” o “Bollettina”, insieme al marito Emilio Giani ha gestito un negozio storico di frutta e verdura in via della Croce, dal 1946 al 1980.

    Infatti, non appena il marito riesce a fuggire dalla prigionia in Inghilterra nel 1946 torna ad Impruneta e insieme alla moglie aprono il negozio, destinato a diventare un punto di riferimento per Impruneta.

    Nell’epoca in cui non c’erano Whatsapp o Facebook, quando qualsiasi imprunetino riportava una notizia, per avvalorarne la fonte diceva sempre “l’ho sentito dire da Bollettino”.

    Da qui il soprannome, che rimandava al notiziario, per indicare l’inseparabile coppia e fonte preziosa e accreditata di notizie.

    Invece, per chi li avesse conosciuti come Bullettina e Bullettino, fa derivare il soprannome dal bisnonno di Emilio che, aveva un negozio in cui “raddrizzava” le bullette.

    Bianca è sempre stata accanto a suo marito, non solo nel lavoro.

    “Ha supportato mio padre in tutti i suoi traguardi – ricorda il figlio Piero – sia quando è stato nominato Cavaliere al merito della Repubblica Italiana, sia come membro della Banca di Impruneta, quando ancora si trovava sotto i loggiati. E si sa, dietro a un grande uomo c’è sempre una grande donna”.

    Bianca se ne è andata dopo una vita vissuta a pieno, circondata dall’amore dei suoi cari e nel ricordo di tutti coloro che l’hanno conosciuta.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...