spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 25 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La pittrice e poetessa aveva 92 anni: viveva nei boschi delle Terre Bianche

    Il sindaco di Impruneta Ida Beneforti, la giunta e tutto il consiglio comunale, esprimono il loro cordoglio alla famiglia di Sara Melauri, la pittrice e poetessa che ha abitato a Impruneta e che è scomparsa lunedì 12 novembre a 92 anni. 

     

    Sara Melauri che dopo aver vissuto per molti anni a Firenze aveva scelto di ritirarsi a Impruneta, in località Terre Bianche, in una sorta di casa "fatata" in mezzo al bosco, ha spesso collaborato con l’amministrazione comunale, soprattutto nelle occasioni di incontro e di riflessione con i ragazzi sul razzismo e sulla deportazione.

     

    Della scritttrice sul tema della non violenza nel 1991 è stato pubblicato il libro dal titolo “Non  violenza dopo la tempesta”,  una corrispondenza fra Sara Melauri e Aldo Capitini, studioso italiano promotore, anche durante il regime fascista, della non violenza di ispirazione gandhiana.

     

    Melauri, personalità poliedrica ed eclettica, ha fatto parte anche dell’associazione di pittori imprunetini e in molte occasioni ha portato il proprio contributo di partecipazione alle iniziative culturali promosse dall’amministrazione comunale di Impruneta.  Anche per questa sua presenza attiva, il sindaco, gli assessori e tutti i consiglieri, nel rinnovare la loro vicinanza alla famiglia, la ricordano con affetto.

     

    Qui la ricordiamo riprendendo un'intervista di Liana Borghi, Maria Teresa Caciagli Fancelli, Ernestina Pellegrini, datata 2011: clicca qui.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...