spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Andrea Giani, il pellettiere che diventò fioraio va in pensione: “Sono stati anni meravigliosi”

    La sua bottega, nel cuore di Impruneta, "è stata la mia casa, circondato dalle mie piante e i miei fiori tutto il giorno. Mi mancherà, così come mi mancheranno i clienti"

    IMPRUNETA – Dopo undici anni di attività di successo il fioraio di Impruneta, Andrea Giani, lascia la sua amata bottega “Il Girasole Blu” e va in pensione.

    Una scelta non facile, dopo tanti anni di amato lavoro, ma resa più facile dalla nascita delle sue nipoti Emilia e Egle.

    “Prima di un lavoro – inizia a raccontarci Andrea – la mia è una passione, da sempre. Undici anni fa, che sembrano un’altra vita ma allo stesso tempo sono passati troppo velocemente, ho lasciato il mio lavoro, un lavoro sicuro, per gettarmi a capofitto in questa nuova avventura”.

    “Ho lavorato infatti 32 anni da Céline – ricorda – grande azienda di pelletteria a Meleto, fino a quando ho deciso di cambiare vita. Non avevo certezze, ma solo tanta passione e voglia di fare”.

    E in poco tempo Andrea è entrato a far parte attivamente della comunità dei commercianti. Un punto di riferimento della vita sociale del paese, tanto che nel 2014 venne nominato come presidente del Centro Commerciale Naturale Il Pozzo (fino al 2019).

    “Sarà banale – riflette – ma sono stati anni meravigliosi, intensi. La bottega è stata la mia casa, circondato dalle mie piante e i miei fiori tutto il giorno”.

    “Mi mancherà tutto questo, il mio piccolo angolo di paradiso, così come mi mancheranno i miei clienti, anche se è più corretto chiamarli amici” puntualizza commosso.

    “Il bello di avere una bottega nel centro di un paese come Impruneta – sorride – è che molto spesso le persone entrano in negozio non solo per comprare, ma anche per fare due chiacchiere, parlare del più e del meno. E, perché no, aggiornarmi sugli ultimi pettegolezzi”.

    “Adesso si apre un nuovo capitolo – guarda avanti con maggior sorriso ancora – con i veri girasoli della mia vita: le mie nipoti Emilia ed Egle. Ho deciso di andare in pensione soprattutto per dedicarmi a loro, sono il dono più bello che potessimo mai ricevere”

    Ma Andrea non si ritirerà definitivamente dalla vita sociale del paese: infatti è il nuovo presidente della Pro Loco e porta con sè, oltre all’esperienza del CCN, tante nuove idee per il futuro.

    “Tengo a ringraziare – conclude con gli occhi lucidi – tutti i miei colleghi del CCN, i miei clienti e amici, tutti coloro che in questi lunghi anni sono stati presenti nella mia vita e nella bottega. Grazie di cuore”.

    Ma a ringraziarlo sono soprattutto i suoi clienti e i suoi colleghi del Centro Commerciale Naturale.

    “A nome di tutti i colleghi – ci confida Francesca Paterna, attuale presidente del CCN – voglio ringraziare Andrea per lo splendido lavoro svolto durante questi anni. La sua presenza è sempre stata preziosa e il suo aiuto fondamentale”.

    “Nonostante la pensione – conclude commossa – rimarrà sempre nella “famiglia” dei commercianti!”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...