spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “In Comune non ci ascoltano, ma per realizzarle dovranno rispettare regole ben precise”

    IMPRUNETA – Prosegue la "battaglia" del Collettivo Giovani Impruneta per la realizzazione delle aree cani nel comune di Impruneta.

     

    Una "battaglia" che nei giorni scorsi ha registrato nuovi sviluppi, con i ragazzi che hanno protocollato una serie di documenti (indirizzati a giunta, maggioranza e opposizioni) con i quali vogliono mettere in chiaro alcuni punti della questione.

     

    Con tanto di sondaggio su Facebook (clicca qui) per votare la zona in cui si pensa sia più adeguata la realizzazione.

     

    Tornano a fare riferimento alla mozione delle consigliere Lucilla Lepri e Caterina Guidi (Pd), "approvata senza che noi del Collettivo, promotori dell'iniziativa con anche una raccolta di firme, si sia stati interpellati minimamente".

     

    "Abbiamo chiesto alla sezione Oipa (Organizzazione Internazionale Protezione Animali) di Firenze e provincia – ricordano – di fornirci alcune utili indicazioni in merito alla realizzazione dell'area. Chiediamo che tali suggerimenti, derivanti dall'esperienza e dalla bibliografia in materia, siano presi in considerazione dall'amministrazione comunale per la realizzazione di tale area che vedrà ormai la sua certa costruzione a Tavarnuzze nell'area Zodiac (senza averci minimamente consultati)".

     

    "Oipa Firenze – concludono – ci ha confermato la sua piena disponibilità alla collaborazione tecnica per la realizzazione dell'area. Pertanto, vigileremo sulla costruzione e ci riserviamo il diritto di rivolgerci alle sedi opportune nel caso non venissero rispettate le regole".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua