spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    In molti (in particolare sui social network) avrebbero voluto vederseli rimborsati

    IMPRUNETA – C'è addirittura chi aveva già elaborato un fac simile da indirizzare al sindaco di Impruneta, per chiedere il rimborso del biglietto per la Festa dell'Uva di domenica 29 settembre, annullata con una decisione presa a maggioranza da parte dell'Ente.

     

    Ovviamente, nel caso che si volesse mettere in pratica un tentativo del genere, non dovrebbe essere il sindaco l'interessato dalle missive ma l'Ente Festa dell'Uva, che la festa la organizza e la gestisce.

     

    Quello dei rimborsi dei biglietti è un tema diventato caldissimo fin dal pomeriggio di domenica 29 settembre, con un tam tam sui social network che non accenna certo a diminuire.

     

    Sui biglietti della Festa dell'Uva è evidenziato che non è previsto rimborso del biglietto, ma sono in molti a sostenere che in questo caso non si è trattato di festa sospesa, ma di festa del tutto annullata. Insomma, non essendoci vincitore, non essendoci stato un voto della giuria, … .

     

    Dall'Ente Festa dell'Uva filtrano solo poche sensazioni e nessun commento ufficiale. Ma alcune considerazioni, quelle sì: quest'anno, tanto per fare qualche cifra, sono stati spesi 10mila euro per la messa a norma delle tribune. poi ci sono noleggi, montaggio e smontaggio.

     

    Insomma, se si rimborsassero i biglietti ci sarebbero due strade: la bancarotta dell'Ente Festa dell'Uva oppure i quattro rioni che dovrebbero frugarsi nelle tasche e tirare fuori circa 8mila euro ciascuno.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...