spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’iniziativa promuove la “filiera corta” con l’acquisto diretto di prodotti biologici

    Come ogni seconda domenica del mese torna, al Crc di Pozzolatico, il bio-mercatino "Mangiasano" (locale e solidale) con con i G.A.S. del Chianti Fiorentino.

     

    L’iniziativa promuove la “filiera corta” con l’acquisto diretto di prodotti biologici, prevedendo inoltre iniziative di diffusione di materiali d’informazione sui temi del consumo “sano, locale e solidale”.
    All’interno del mercatino viene offerta una gamma completa di prodotti biologici e naturali che vanno dai prodotti agricoli, alimentari, ai detersivi, cosmetici, saponi fatti a mano, abbigliamento, giocattoli, libri e riviste inerenti ai temi specifici. Inoltre, alle 15, tavolo di informazione sulla "Economia della Felicità".

     

    Il bio-mercatino mensile “Mangiasano” si tiene ogni seconda domenica del mese, al Circolo Ricreativo Culturale di Pozzolatico, organizzato dall’Associazione VAS – Verdi Ambiente e Società – Onlus in collaborazione con i G.A.S. – Gruppi di Acquisto Solidale del Chianti Fiorentino: Gasluzzo, G.A.S. Impruneta, Le Rose, Strada in Chianti.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...