spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Continua la “caccia al cane” in zona Quintole: le parole dell’assessore Cioni

    "Si stanno intensificando verifiche e controlli per individuare la sua provenienza"

    IMPRUNETA – Dopo le polemiche politiche dei giorn scorsi, è l'assessore alla polizia locale del Comune di Impruneta, Laura Cioni, ad aggiornare sulla situazione di tensione che si sta vivendo nella zona di Quintole a causa di un cane, tipo maremmano, che da mesi terrorizza i residenti.

     

     

    "In zona Quintole per le Rose e Baruffi – scrive Cioni sul suo canale social – continuano le segnalazioni di un cane/cani bianchi di tipo maremmano che si aggirano liberi e causano uno stato di allarme e pericolo per le persone e i loro cani".

     

    "Vi comunico – aggiorna – che si stanno intensificando verifiche e controlli per individuare la provenienza del cane/cani di concerto tra polizia municipale e Asl veterinaria di Firenze".

     

    "Spero – auspica – a breve di poter comunicare ulteriori aggiornamenti positivi per la risoluzione del problema".

     

     

    "Chiedo cortesemente di comunicare qualsiasi informazione e/o avvistamento – conclude – alla polizia municipale per offrire indicazioni utili all'individuazione degli animali. Grazie per la collaborazione".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...