spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il Collettivo Giovani Imprunetini critica pesantemente l’operato del sindaco Calamandrei

    IMPRUNETA – "Dopo sette mesi dall'investitura elettorale, ciò che merita attenzione dell'operato di Alessio Calamandrei e dei suoi assessori non sono certo i presunti obiettivi raggiunti, quanto le promesse mancate".

     

    A dirlo è il Collettivo Giovani Imprunetini, che sull'operato del nuovo sindaco e della sua giunta non ci va davvero leggero.

     

    "Tralasciando il discorso sulla disastrosa gestione degli edifici scolastici – proseguono – che richiederebbe considerazioni ben più ampie, a colpire dell'amministrazione Calamandrei è la gestione autoritaria e dispotica di Impruneta: dove sono la trasparenza, il dialogo con i cittadini e la partecipazione, cavalli di battaglia della campagna elettorale? Dov'è finito lo spirito di cambiamento che il nuovo Pd rivendicava come proprio?".

     

    "Da buon renziano – attaccano – Calamandrei ha seguito a menadito la lezione del proprio modello politico, ingannando le folle con facili proclami salvo poi accentuare il divario fra cittadini e amministrazione. Gravissima e chiara immagine di questo processo è stata l'unione dei servizi con Bagno a Ripoli, portata avanti nella più totale oscurità e in un silenzio che ha negato agli imprunetini la possibilità non solo di esprimersi ma soprattutto di conoscere".

     

    "Non pago di questo colpo di mano – ribadiscono – il nostro sindaco prima della fine d'anno ha tolto la facoltà di scrivere sul suo profilo Facebook. E' questo il modello di trasparenza e di dialogo offerto dalla nuova amministrazione?".

     

    "E' opportuno ricordare – concludono – che è stato istituito un assessorato alla partecipazione, di cui molti imprunetini non sanno neppure dell'esistenza e di cui ad oggi non si può spiegare l'utilità, dato che poter partecipare attivamente ad Impruneta è sempre più un miraggio in uno sconfinato deserto di cattiva politica".

     

    "Le critiche fanno parte del gioco – replica il sindaco Calamandrei – solo che in questo caso le ricevo da chi, a suo tempo, ha completamente chiuso la porta all'offerta di dialogo".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...