spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Residenti esasperati per questa strada che porta a via di Riboia e Pozzolatico

    IMPRUNETA – Quando abbiamo ricevuto la segnalazione di alcuni lettori che ci indicavano lo stato di forte pericolo nel percorrere la strada che da via Quintole per Le Rose si dirama per raggiungere via Riboia, e che procede poi in direzione Pozzolatico, pensavamo di trovarci di fronte alle "classiche" in cui ci si imbatte lungo le strade.

     

    Ma in realtà, come dimostrano le foto che abbiamo scattato, sono dei veri “crateri”. A testimonianza rimangono, come se non bastasse, i copri cerchi delle ruote rimasti sul “campo”. Ma non solo, anche piccoli e grandi pezzi di plastica distaccatisi dal sotto delle auto.

     

    "Abbiamo più volte segnalato al Comune di Impruneta questa situazione di forte disagio – ci dice un residente – ma nessuno ancora ha provveduto a rimediare. Sì, l’unica cosa che hanno fatto è la sistemazione della segnaletica stradale che indica il pericolo. Ma questo non basta, la strada è stretta e per forza dobbiamo entrare nella buca se vogliamo passare".

     

    Altro residente: "Prima di rivolgermi al giornale ho cercato un contatto con il Comune ma non ho ottenuto nessuna risposta. Le dirò di più: ho contattato perfino Striscia la notizia. Tra poco inizieranno le scuole, da qui passano anche i pulmini, qui vicino c’è anche la scuola materna ed elementare parificata. E se poi com’è logico arriva il brutto tempo e inizia a piovere, lascio immaginare cosa possa succedere".

     

    Insomma la situazione di disagio va avanti da tempo ed è facilmente intuibile: e le foto sono lì a documentarlo.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...