spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FOTO / Iniziata questa mattina la prima fase di messa in sicurezza della frana di Tavarnuzze

    Le operazioni proseguiranno nei prossimi giorni con la realizzazione di un rilievo tramite drone e la prima messa in opera delle chiodature e delle reti

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – E’ iniziata questa mattina, martedì 2 aprile, attorno alle 8.30, la prima fase di messa in sicurezza della frana staccatasi il 27 marzo scorso dietro a due palazzine lungo la via Cassia, nel cuore di Tavarnuzze.

    Prima fase che consiste nella pulizia del versante e nel “disgaggio” (una tecnica utilizzata per la messa in sicurezza in tempi brevi di una parete rocciosa, di una scarpata tendente a franare), mirato a rimuovere i blocchi di roccia pericolanti.

    L’intervento è realizzato da GSG Geo Solutions Garfagnana Srl per i lavori su fune, e seguito progettualmente dai tecnici.

    Dal geologo Luca Pagliazzi, dal geologo Massimo Della Schiava e dall’ingegner Alessandro Bonini, della società di ingegneria ING3GNI Srl.

    Le operazioni proseguiranno nei prossimi giorni, con la realizzazione di un rilievo tramite drone, e la prima messa in opera delle chiodature e delle reti.

    In attesa della progettazione esecutiva della messa in sicurezza di tutto il versante.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...