spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    TUTTI GLI ARTICOLI DI:

    IL TACCUINO DEL FAUNISTA

    Vi spiego come riconoscere le tracce lasciate dagli animali selvatici

    Avete mai pensato che quando vi incamminate lungo un percorso lasciate un segno del vostro passaggio?   Forse il cemento e l’asfalto ci hanno resi indifferenti...

    Monte San Michele e Monti del Chianti: ultimo capitolo, pesci e crostacei

    Il reticolo idrico dei monti del Chianti, seppur rappresentato da corsi d’acqua di piccole dimensioni e, in certi casi, stagionali, rappresenta un importante elemento...

    La fauna del Monte San Michele e dei Monti del Chianti: Anfibi e Rettili

    Di particolare interesse nell’area del San Michele è la presenza degli Anfibi, alcuni molto rari e vulnerabili.   La loro presenza è strettamente legata a quella...

    La fauna del Monte San Michele e dei Monti del Chianti: i carnivori

    I carnivori nel San Michele sono rappresentati dal lupo, dalla volpe e da molti mustelidi, quali faina, martora e tasso.   Il lupo   Il lupo sta aumentando...

    Fauna del Monte San Michele e dei Monti del Chianti: oggi parliamo di avifauna

    La ricca presenza di copertura forestale comporta anche un’abbondante presenza di avifauna, in particolar modo se il bosco è caratterizzato da diverse specie arboree,...

    Ungulati e Monti del Chianti: dal cinghiale al… lama! Con quali problematiche?

    Come già accennato nel primo capitolo fra le specie più rappresentative dei Monti del Chianti sono da annoverare gli ungulati, come cervo, capriolo e...

    La fauna del San Michele e dei Monti del Chianti: prima una… introduzione

    Prima di parlare di fauna selvatica, una breve contestualizzazione.   I monti del Chianti rappresentano un’importante catena montuosa di circa 20 km. La zona si trova...

    Processionaria: come si sviluppa, i rischi, come si combatte

    Esistono molte specie diverse di processionaria ma in Italia la più diffusa è la processionaria del pino (Thaumetopoea pityocampa).   Questo insetto deve il nome a...

    Essere cacciatori… nel 2018: una figura profondamente cambiata

    Oggi la caccia vive una profonda crisi: da un lato un calo demografico inarrestabile della comunità venatoria, dall’altro l’aumento del dissenso verso questa attività....

    Attenti agli alieni!… La pericolosità delle specie alloctone. Anche in Chianti

    Se state pensando ad esseri spaventosi, verdi e che vengono da molto lontano … state sbagliando! In realtà oggi non parleremo di alieni come...

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.