spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 13 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il via dell’Unione comunale del Pd, che apre anche a possibili alleanze di centrosinistra

    Il Partito democratico di Impruneta ha sciolto le residue riserve nell'Unione comunale di lunedì 10 dicembre: sì alle primarie per individuare il candidato sindaco aprendo a una coalizione di centrosinistra (in particolare con Sel e Indignamoci).

     

    Una scelta alla quale ha lavorato molto anche il segretario metropolitano Patrizio Mecacci (in foto sopra) e che apre scenari nuovi per la politica imprunetina, visto che l'ultimo mandato del sindaco Ida Beneforti (che dovrebbe arrivare a scadenza naturale a primavera, niente "Election Day" insieme alle politiche di febbraio quindi) è stato fatto in "autarchia" dal Pd, coalizzato solo con il Partito socialista.

     

    Questi i passaggi indicati: entro sabato 15 dicembre (alle 18) chi nel Pd vorrà presentare la propria candidatura alle primarie potrà farlo corredandola con 25-30 firme di iscritti o 8 firme dei rappresentanti dell'Unione comunale del partito.

     

    I tre nomi che paiono più sicuri sono quelli di Alessio Calamandrei (consigliere comunale uscente, "renziano" doc), Joele Risaliti (ex segretario del circolo Pd di Impruneta capoluogo, anche lui "renziano"), Marco Pistolesi (assessore alle attività produttive, "bersaniano").

     

    Poi, una volta siglati ufficialmente gli accordi per i quali l'Unione comunale Pd ha dato il suo beneplacito con le altre forze (in primis Sel e Indignamoci, il movimento fondato dal consigliere comunale Massimo Bisignano), chi vorrà partecipare alle primarie del centrosinistra (fissate per gennaio 2013) dovrà portare circa 110 firme (l'1% del corpo elettorale).

     

    La corsa sembra davvero che si apra, vedremo gli sviluppi nei prossimi giorni.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...