spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta, scritta sul muro della Barazzina cancellata grazie agli Angeli del Bello

    "Boicotta chi stupra": era comparsa ieri sul muro appena restaurato, con riferimento alla presunta violenza sessuale di gruppo che da giorni sta creando sconcerto

    IMPRUNETA – La scritta “Boicotta chi stupra” comparsa ieri, domenica 7 agosto, sul muro del parco della Barazzina di Impruneta, in riferimento alle indagini in corso per la presunta violenza sessuale di gruppo avvenuta nella notte fra il 29 e il 30 luglio a Impruneta, è stata rimossa.

    # Presunta violenza sessuale di gruppo a Impruneta: spunta una scritta alla Barazzina

    Sono stati gli Angeli del Bello, sempre attivi sul territorio imprunetino, a prendersi in carico l’operazione di pulizia.

    La pulizia di un muro che, peraltro, era stato ristrutturato da qualche settimana.

    Una scritta che, lo ricordiamo, riguarda una vicenda sulla quale le indagini sono tuttora in corso, e in cui non ci sono misure cautelari comminate a nessuno.

    Né ai quattro indagati, né al locale teatro della presunta violenza.

    Saranno, appunto, le indagini coordinate dalla Simona Beatrice Giunti, a stabilire i contorni del successivo percorso.

    Così gli Angeli del Bello hanno sanato quella ferita impressa su un patrimonio pubblico.

    Grazie al loro impegno e a un macchinario speciale in loro possesso già oggi, lunedì 8 agosto, la scritta non c’era più.

    Intanto proprio stasera a Impruneta è prevista la manifestazione di solidarietà alla 35enne turista canadese rimasta vittima del presunto stupro.

    # Presunta violenza sessuale a Impruneta: lunedì 8 agosto manifestazione in piazza

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...