spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 26 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “La Asl si accorge dopo trent’anni che i locali della Cooperativa Le Rose non sono a norma?”

    Sopralluogo e mozione della consigliera regionale del M5S Silvia Noferi: "In tutti questi anni il personale e i volontari della Cooperativa sono stati abbandonati a loro stessi"

    IMPRUNETA – “In tutti questi anni il personale e i volontari della Cooperativa sono stati abbandonati a loro stessi, in forza di un contratto di affitto agrario di un casale con annesso terreno, di proprietà dalla Asl Toscana Centro nel Comune di Impruneta, che hanno curato, ristrutturato alla bene e meglio e reso un ambiente piacevole per accogliere, divertire ed educare ragazzi con gravi handicap”.

    Lo dice la consigliera regionale del Movimento Cinque Stelle, Silvia Noferi, dopo il suo sopralluogo negli spazi sulla collina di fronte alla Certosa.

    Andando a inserirsi in un percorso che, nelle ultime settimane, si è fatto tortuoso.

    # Cooperativa Le Rose: “Chiudiamo noi. In attesa di una perizia super partes sull’immobile”

    # Il grido di dolore della cooperativa Le Rose: “Se verremo chiusi sarà una perdita per tutto il territorio”

    “La Cooperativa Le Rose – dice Noferi – è da molti decenni un centro diurno educativo, didattico e culturale per persone disabili che hanno superato l’obbligo scolastico e il personale con grandissima professionalità”.

    “Attraverso una serie di attività – ricorda – che spaziano dalla ceramica alla musica, ha valorizzato le potenzialità presenti in ciascuno dei ragazzi ospitati, facendoli sentire parte integrante di un progetto, gratificandoli per i risultati raggiunti e facilitando l’instaurazione di un canale di comunicazione fra di loro e con il mondo”.

    “L’imponente documentazione tecnica presentata dai tecnici incaricati dalla Asl – dice ancora Noferi – mostrano una serie di criticità dell’immobile che può e deve essere ristrutturato, ma non sfrattando la Cooperativa dalla sera alla mattina senza dare una sede alternativa e nemmeno proponendo… un prefabbricato appoggiato nel campo”.

    “È importante – prosegue Noferi – dare tempi certi sui tempi in cui la Cooperativa Le Rose e i suoi ragazzi potranno rientrare nella colonica una volta ristrutturata per poter creare un clima di fiducia e condivisione fra istituzioni, operatori, volontari e persone fragili”.

    “Per questo motivo – annuncia la consigliera regionale del M5S – ho scritto una mozione per il consiglio regionale al fine di sollecitare un percorso partecipato e condiviso di progettazione e riassetto complessivo delle strutture in uso alla Cooperativa Le Rose, il cui lavoro dovrà essere finalmente valorizzato e, attraverso la guida esperta di chi ha tanti anni di esperienza, anche potenziato in modo da poter accogliere un maggior numero di ospiti”.

    “Sarà comunque necessario nel frattempo – conclude – fornire una adeguata continuità delle attività alle persone fragili che dopo tanti anni sentono la struttura come casa propria perché un percorso terapeutico non può essere interrotto da un’istituzione sanitaria con la “forza pubblica”. Vedremo se il consiglio regionale accoglierà la richiesta”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua