spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ha chiamato il presidente dell’Ente Festa dell’Uva, qui chiede scusa in pubblico

    IMPRUNETA – L'argomento del giorno all'Impruneta, in questo primo mercoledì d'ottobre, è stato l'sms davvero infelice arrivato lunedì 30 settembre al presidente dell'Ente Festa dell'Uva Luca Gasparri.

     

    Arrivava da un rionale a dir poco deluso dall'annullamento della sfilata dei carri di domenica 29 settembre, e che lo palesava scrivendo a Gasparri queste poche e bruttissime parole: "Speriamo non tu arrivi a domani".

     

    Parole fuori luogo, fuori logica. Ne abbiamo dato conto con un articolo pubblicato oggi (clicca qui per leggerlo), aggiornandolo anche dopo aver saputo della telefonata fra l'autore del messaggio e il presidente Gasparri.

     

    Qui di seguito invece (e lo diciamo con grande sollievo, certi che la storia si chiuda per fortuna qui) riceviamo la lettera pubblica di scuse da parte del rionale in questione. Che conosciamo (personalmente) da tempo come una persona schietta e… verace. Che stavolta ha capito di aver sbagliato e ci spiega… perché.

     

    "Salve a tutti i lettori del Gazzettino del Chianti, scrivo questa lettera per chiarire quanto è accaduto lunedì sera con il “famoso” messaggio al presidente dell'ente Festa dell'Uva.

     

    Senza girarci troppo intorno si può dire che ho fatto una grandissima cazzata (scusate il termine, ma non ne trovo altri)… doveva essere una azione goliardica ma ho toppato in pieno, trascinato dall'impeto delle dicussioni sul rione.

     

    Ho scritto una frase che ovviamente non avrei dovuto e voluto scrivere…. ma l'ho fatto e me ne sono assunta tutta la responsabilità fin dal primo momento.

     

    E' gia capitato e capiterà ancora che su qualche rione qualcuno possa fare qualcosa da condannare, ma non per questo si deve dare la colpa al rione o additarlo come se fosse un rione di…“ "gentaccia”".

     

    Detto questo, che mi scuso nuovamente col presidente dell'Ente Festa dell'Uva, come peraltro già fatto direttamente. Aggiungo che, come già detto al diretto interessato, ho provato fin da ieri mattina a contattarlo per chiedere scusa, ma non è stato possibile rintracciarlo.

     

    Spero che con questa lettera si possano placare le polemiche che sono nate. Concludo dicendo che mi scuso inoltre con chi, nel mio rione, si è sentito turbato da questa mia cazzata. Ma ormai l'ho fatta e spero che passi in fretta. Un saluto a tutti".

     

    Riccardo Lupino

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...