spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pochissimi i “nomi noti” nella lista a sostegno di Alessio Calamandrei

    La sua ufficializzazione era molto attesa, visto che la sua costruzione ha rappresentato una bella prova di bilanciamento fra la parte del Partito democratico uscita perdente dalle primarie (quella a sostegno di Marco Pistolesi) e quella che le primarie invece le ha vinte, portando alla candidatura a sindaco Alessio Calamandrei (in foto).

     

    Stiamo parlando della lista dei candidati al consiglio comunale per il Partito democratico, che domenica 26 e lunedì 27 maggio saranno oggetto delle preferenze dei votanti. Una lista, come dicevamo, molto importante, poiché in caso di vittoria alle urne deciderà la composizione della maggioranza a sostegno del sindaco.

     

    E se la maggioranza… della maggioranza verrà composta da consiglieri più vicini a Calamandrei sarà un conto. Se invece ad essere in numero maggiore saranno consiglieri comunali più vicini al perdente Pistolesi allora le cose si complicheranno un po'. La versione ufficiale è ovviamente quella di una lista composta da sedici persone tutte facenti parte del Pd, ma sotto la cenere la brace brucia eccome.

     

    Ed eccola quindi la lista: Gabriele Forconi (55 anni); Ilaria Balleggi (33 anni); Alberto Gallori (28 anni); Anna Di Benedetto (54 anni); Paolo Magnelli (47 anni); Caterina Guidi (54 anni); Alessandro Marilli (39 anni); Lilian Kraft (56 anni); Milo Messeri (23 anni); Lucilla Lepri (40 aanni); Duccio Piazzini (21 anni); Deborah Pelli (26 anni); Paolo Poggini (61 anni); Ester Pino (70 anni); Giulio Scarti (21 anni); Simone Bartoli (50 anni).

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua