spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’ultimo libro di Marco Vichi: con il cementificio di Testi in copertina e dentro tanta… Impruneta

    Ne parliamo con l'autore. Tutto inizia con il ritrovamento del cadavere di una ragazza nei pressi del Passo dei Pecorai: inizia qui l'indagine del commissario Bordelli, a una settimana dalla pensione...

    IMPRUNETA – L’ultima avventura del commissario Bordelli, amato protagonista dei gialli di Marco Vichi, ormai imprunetino “adottato”, si trova già nelle librerie: “Ragazze smarrite. Un’avventura del commissario Bordelli”.

    Emblematica e attuale, questa volta, la copertina del libro: a fare da sfondo infatti è il cementificio di Testi, giunto tristemente alla cronaca in questi ultimi anni per le sue problematiche e, infine, per la sua annunciata chiusura.

    Cementificio Testi che è strettamente legato al territorio grevigiano, nel corso degli anni ha dato lavoro a migliaia e migliaia di persone.

    Ed è proprio l’imponente struttura che fa da sfondo a questa avventura del commissario Bordelli

    La storia è ambientata nel marzo del 1970. Al commissario Bordelli manca poco più di una settimana per andare in pensione e spera che i suoi ultimi giorni di lavoro siano tranquilli.

    Speranza vana. Infatti, presso il Passo dei Pecorai, vicino al cementificio, viene trovato un cadavere di una ragazza.

    Il mistero si infittisce: infatti non vi è alcuna denuncia di scomparsa, nessun documento di identità, tantomeno testimoni. Il niente più totale.

    L’indagine viene immediatamente aperta, anche se il commissario teme di andar in pensione lasciando l’omicidio irrisolto.

    “Come ogni avventura del commissario Bordelli ambientata nel Chianti, i riferimenti al nostro territorio disseminati nel libro sono molti – ci anticipa l’autore Marco Vichi – ma preferisco che vengano scoperti piuttosto che anticiparli”

    “La storia è ambientata ad Impruneta – svela Vichi – ma non come la conosciamo adesso, che è quasi un quartiere di Firenze, ma negli anni ’60/’70, quando era un mondo completamente a sé, lontana dal caos e dalle dinamiche della città”.

    Il libro è stato presentato in anteprima proprio a Impruneta, in piazza Buondelmonti, nella serata del 23 giugno, organizzata dalla Libreria Libero Caos, “che ci tengo davvero tanto a ringraziare” dice Vichi.

    Marco Vichi

    La serata è stata davvero un grande successo, oltre le cento persone presenti per ricevere la firma autografata dell’autore.

    Nonostante l’imminente pensione del commissario, tuttavia non si fermeranno le sue avventure: Bordelli affronterà altre indagini in una prossima uscita nei prossimi mesi, ci conferma l’autore.

    Continuano intanto gli eventi di presentazione del nuovo libro: e si rimane nel nostro territorio.

    Il 4 luglio a Grassina e “lunedì 5 luglio alle 19.30 presso il ristorante Battibecco di Impruneta” conclude Vichi.

    # Ultima avventura del commissario Bordelli: Marco Vichi presenta il libro “Le ragazze smarrite”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...