spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Iniziativa de Il Coraggio di Cambiare: “Vogliamo risposte sulle strutture fatiscenti”

    IMPRUNETA – Che si prennunciasse un 2014 molto caldo in ambito politico a Impruneta… era previsione difficile da sbagliare.

     

    Il gruppo di opposizione Il Coraggio di Cambiare ha però deciso di anticipare l'avvio della lotta serrata, organizzando per venerdì 20 dicembre (alle 16.30) un presidio pubblico in piazza Buondelmonti, davanti al palazzo comunale.

     

    "Quale scuola per il 2014?": questo il tema centrale di una manifestazione. Una sorta di "flash mob" in cui i partecipanti sono invitati ad addobbare l'albero di  Natalke che campeggia in piazza con richieste e desideri per le scuole imprunetine.

     

    "Dopo sette mesi dalle elezioni comunali – si legge nel volantino di presentazione – vogliamo risposte concrete in merito alle fatiscenti strutture scolastiche del nostro territorio. Non condividiamo oramai da anni la politica del "rattoppo dorato" praticato sulle vecchie scuole, 3,5 milioni di euro per questi risultati".

     

    Criticano la chiusura della scuola di via Roma e l'accentramento dei bambini alla Paolieri in piazza Nova. Sottolineano che "piove in tutte le scuole, siano esse di Impruneta, Tavarnuzze o delle frazioni".

     

    "Vogliamo risposte concrete – concludono – in un paese in cui diventa difficile anche la soluzione più semplice, come rifare il tetto alla scuola materna in via Roma".

     

     

     

     

     

     

     

     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...