spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tutto nuovo il punto vendita di Cecilia Innocenti: una storia iniziata da nonno Faustino che adesso… si evolve

    IMPRUNETA – Quella della famiglia Innocenti con i giornali è una storia che va indietro nei decenni: iniziata con nonno Faustino, proseguita con babbo Mario e oggi con Cecilia, che da dietro il bancone in piazza Buondelmonti dà il bungiorno fra la carta dei quotidiani.

     

    Nonno Faustino vendeva giornali in piazza Buondelmonti, davanti al palazzo comunale, dove oggi c'è l'olivo della pace.

     

    La moglie, Giulia, faceva la "strillona"; babbo Mario si era spostato un po' più su, dove oggi c'è il pannello in cotto del Maestro Giuseppe Ciccia.

     

    E proprio il cotto rappresenta una delle evoluzioni dell'edicola di Cecilia, accanto a un altro prodotto principe del territorio, il vino.

     

    La contrazione nelle vendite dei giornali infatti, porta molti edicolanti a re-inventare una professione che in molti casi è a serio rischio.

     

    Ed ecco che Cecilia ha fatto un completo re-styling del negozio. Dove oggi, accanto alla stampa quotidiana, settimanale, mensile, e ai prodotti più tradizionali "da edicola", trovano posto buonissime etichette di vino e stupendi prodotti in cotto delle aziende del territorio. E presto arriveranno anche… altre novità.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua