spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Pubbliche affissioni e occupazione permanente di suolo pubblico: nuovo sportello al pubblico a Tavarnuzze

    Il nuovo sportello è aperto tutti i giovedì mattina dalle 9 alle 13, al piano terra della sede comunale di via Fratelli Rosselli 6

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Dopo il passaggio, dal primo luglio alla ditta ICA srl della gestione dell’ex Tosap, cioè della riscossione dei pagamenti per l’occupazione permanente di suolo pubblico, come passi carrai e simili – prima gestita direttamente dall’Ufficio Tributi comunale – lo sportello a cui rivolgersi per tutti i servizi gestiti da ICA sul territorio,  come l’accertamento e la riscossione del canone unico patrimoniale, degli impianti pubblicitari e l’affissione di manifesti e pubblicità, sarà a Tavarnuzze.

    Il nuovo sportello è aperto tutti i giovedì mattina dalle 9 alle 13, al piano terra della sede comunale di via Fratelli Rosselli 6.

    Il personale ICA sarà raggiungibile al numero 0552591793 e anche alla mail ica.impruneta@icatributi.it.

    Si avvisa perciò che la precedente sede di ICA srl di Impruneta, in via Via Fabbiolle 1 – presso Agenzia Impruneta – non è più la collocazione sul territorio del concessionario del servizio affissioni comunali.

    Il nuovo incarico prevede, oltre alla gestione dei servizi in concessione e la manutenzione degli impianti pubblicitari e delle pubbliche affissioni, anche che sia fatto il censimento degli stessi, oltre a quello delle occupazioni di suolo pubblico permanente, così da rendere più capillare e informatizzato il servizio di ICA.

    Nulla è invece cambiato per quanto attiene al pagamento della concessione di suolo pubblico temporaneo, come per esempio quello relativo a fiere e feste.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...