spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 14 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Tavarnuzze, parcheggio a pagamento di via I Maggio cancellato: fine di una vicenda assurda”

    Gabriele Franchi (Cittadini Per Impruneta): "Grazie ai 369 cittadini che hanno firmato la petizione. Adesso sotto con quello dei Bottai"

    IMPRUNETA – “Il parcheggio a pagamento di via I Maggio a Tavarnuzze è stato cancellato”.

    Lo annuncia Gabriele Franchi, consigliere comunale di opposizione (Cittadini Per Impruneta). Che, nelle scorse settimane, si era speso pubblicamente per questo obiettivo. Anche con una raccolta firma.

    “Nel consiglio comunale del 23 febbraio – annuncia – grazie ad una mozione presentata da alcuni consiglieri di maggioranza e respinta al momento del voto dal solo consigliere Pd Marco Canuti, si è messa la parola fine su una vicenda assurda iniziata con la delibera di giunta dello scorso 19 luglio (alla quale, è bene ricordarlo, nessun assessore ebbe a votare contro)”.

    Alla fine, infatti, è stata la stessa maggioranza a tornare sui suoi passi.

    “Per l’attuazione del testo – dice però Franchi – bisogna vedere adesso quali saranno le modalità ed i tempi”.

    “Mi sento di ringraziare – tiene a dire il consigliere Franchi – tutti i 369 cittadini che hanno sottoscritto la petizione popolare, lanciata a metà gennaio, poiché essi hanno fatto sentire la voce del territorio contro una decisione incomprensibile”.

    “Dal momento che nel testo della petizione si fa richiesta di cancellare anche il parcheggio a pagamento di Bottai – riprende – presenterò una mozione in tal senso nel prossimo consiglio comunale”.

    “E’ opportuno ringraziare anche i proponenti della mozione – continua – quello che conta è il risultato ottenuto, senza guardare alle bandierine”.

    “Una domanda sorge però spontanea – specifica – se non ci fosse stata la petizione popolare, ma soprattutto se non ci fosse stata la scissione all’interno della maggioranza e non ci fossero tra pochi mesi le elezioni, avremmo visto un simile testo? Probabilmente no”.

    “In cinque anni – rimarca Franchi – i fuoriusciti che fanno capo ad Aramini non si sono mai smarcati dalla linea del sindaco e della giunta, votando di tutto e respingendo qualsiasi proposta delle opposizioni. Suona d’altronde strano che da luglio, quando i parcheggi a pagamento furono votati, si siano svegliati solo a febbraio”.

    “Ma tant’è – conclude – Impruneta è un paese strano. Talmente strano, che invece che festeggiare per un risultato ottenuto, siamo costretti a festeggiare per una scempiaggine amministrativa a cui si è posto rimedio”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...