spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 5 Marzo 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’albero dei miracoli del Gatto e la Volpe e il sistema bancario di oggi

    "Quando eravamo piccoli e andavamo alle elementari, per abituarci al risparmio, la banca ci fornì una piccola “cassaforte” dove depositavamo i pochi spiccioli che ci venivano regalati, e ogni tanto ci portavano in banca a versare il piccolo capitale sul librettino a noi intestato. Questo piccolo capitale ogni anno crescendo andava a formare il nostro “capitale”. 

     

    Gli adulti avevano vari metodi di risparmio, o in buoni fruttiferi o depositi vincolati, che a fine anno davano un certo rendimento. Siamo andati avanti così per un certo periodo finché siamo diventati adulti. Nel contempo il sistema bancario è cambiato, sono spariti gli istituti di Diritto Pubblico in favore di incorporazioni e variazioni di assetti in Società per Azioni con la conseguenza che il piccolo risparmiatore si è ritrovato con “la sua piccola barchetta” in pieno oceano con tutti i pericoli del caso.

     

    Sono stati aboliti i libretti di risparmio al portatore e chi aveva due soldi è stato indotto a “imbarcarsi” su nuovi prodotti finanziari: il risparmio gestito, sia in fondi che obbligazioni, o in azionariato puro, il più delle volte non avendo la minima conoscenza di quel che faceva, indirizzato in ciò dall’operatore di turno, col risultato ahimè alle volte disastroso.

     

    Chi si è indirizzato verso il Risparmio gestito si è trovato di fronte all’albero dei miracoli! Si seminano i soldi e si spera che crescano; è andata abbastanza bene fino all’inizio di quest’anno, poi l’albero è appassito e stanno cadendo le foglie (soldi investiti). Chi ci rimette è chi ha investito, i gestori si fanno pagare lo stesso!"

     

    di Roberto Borghi

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...