spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “San Casciano: vandalismi nel Piazzone? Al Parco del Poggione regna la maleducazione”

    "Qui gruppi di ragazzini, ma a volte anche probabilmente maggiorenni, si accampano nell'area bambini. Urlandosi e urlando ai passanti delle cose che c'è da vergognarsi a sentirle..."

    Gentilissimo direttore, ho avuto occasione di leggere il vostro ultimo articolo sugli ultimi atti di vandalismo a San Casciano nell’area del parco del Piazzone.

    Vorrei segnalare che anche nell’area del parco del Poggione le cose non vanno meglio.

    # Ancora vandali in azione a San Casciano: transenne gettate sotto alle mura nel Piazzone

    Qui gruppi di ragazzini, spesso non più grandi di 15-16 anni ma a volte anche probabilmente maggiorenni, si accampano nell’area bambini (dove sono i giochi e le altalene) urlandosi e urlando ai passanti delle cose che c’è da vergognarsi a sentirle.

    Musica a tutto volume dal cellulare e schiamazzi fino a tardi sono la norma.

    L’altra sera, tanto per fare un esempio, cenando verso le ore 21 ho dovuto chiudere la finestra di cucina per non fare sentire ai miei figli piccoli la pesante fila di bestemmie e offese che volavano.

    Urlate a squarciagola, come da qualche pazzo uscito da un manicomio ma con la voce ancora acuta di un adolescente, dal vicino parchetto incriminato.

    Tra le tante, anche preoccupanti “Non me ne frega un c**** di tuo figlio” vociati più e più volte verso un fruitore dell’area, e tante, tante bestemmie.

    Tempo fa c’era stato un annuncio che delle pattuglie avrebbero assicurato in comportamento quantomeno civile nel nostro paese.

    Uno non può che domandarsi dove siano finite… .

    Restando a vostra disposizione porgo cordiali saluti

    Martina Bertini 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Scrivi anche tu... al Gazzettino del Chianti!

    Devi segnalare un disservizio? Contattare la nostra redazione? Scrivere una lettera al direttore? Dire semplicemente la tua? Puoi farlo anzi... devi!

    Scrivici una mail a: redazione@gazzettinodelchianti.it

    Leggi anche...