spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 1 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Ancora vandali in azione a San Casciano: transenne gettate sotto alle mura nel Piazzone

    E poi, divelta una colonnina dell'Enel; sampietrini tolti dal marciapiede e gettati anch'essi nel campo sottostante. Nel capoluogo gli incivili colpiscono ancora

    SAN CASCIANO – Transenne per delimitare il traffico in piazza della Repubblica gettate nel campo sotto viale Garibaldi.

    La colonnina dell’Enel dove prendono la corrente in occasione delle feste, divelta.

    Sampietrini tolti dal marciapiede, anche questi buttati nel campo sottostante: tanto che si è creata una buca pericolosa, specie per persone anziane e bambini che vi transitano.

    E’ questo lo scenario che si è presentato nella mattinata di oggi, di venerdì 2 settembre, a chi si è trovato a passare di lì.

    Atti vandalici che si ripetono nel capoluogo. E che anche qui, nei giardini del Piazzone, non sono certo nuovi.

    In quel tratto peraltro, alcune settimane fa una transenna fu trovata tra i grossi rami di un albero.

    Tolta e rimessa al suo posto dagli operai del Comune, che devono anche lasciare altri lavori per andare a rimediare agli atti dei vandali.

    “A volte mi capita di alzarmi di notte – racconta un residente – e vi posso assicurare che la piazza è animata anche fino alle cinque del mattino. Schiamazzi, risate, ma anche musica alta”.

    “E’ il prezzo che paghiamo noi che abitiamo davanti a questo parco – riprende – Di giorno frequentato da bambini, anziani, e di notte terra di nessuno”.

    “Tutto questo – conclude – avviene dalla fine delle scuole fino a quando non inizia l’inverno, o il brutto tempo”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...