spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Grande legame del paese con la figura del Maestro: anche grazie a un geometra speciale…

    SAN CASCIANO – “Viva Verdi!” e tanti applausi. È terminata così la manifestazione svoltasi nella mattina di domenica 13 ottobre in piazza della Repubblica (il Piazzone), a San Casciano, di fronte al busto del compositore Giuseppe Verdi in occasione del 200esimo anniversario della nascita.

     

    A rendere gli onori al Maestro, il Corpo Musicale “Oreste Carlini” il sindaco Massimiliano Pescini che ha ripercorso la vita e le virtù di Giuseppe Verdi. Subito dopo è stato il geometra Angiolino Bagnoli, grande appassionato di Verdi e promotore dell’iniziativa, a leggere l’atto di nascita (scritto in origine in francese essendo l’Italia in quel periodo sotto il dominio napoleonico) di "Verdi Giuseppe Fortunino Francesco, nato a Roncole di Busseto il 10 ottobre 1813 da Carlo oste e rivenditore di generi alimentari, e Luigia Uttini, filatrice", ricordando le sue grandi opere.

     

    Alla fine sono state depositate 27 rose rosse ai piedi del monumento, mentre i musicanti del Corpo musicale “Oreste Carlini” diretti dal Maestro Andrea Gheri, hanno eseguito alcuni brani verdiani, particolarmente apprezzati da una buona rappresentanza di persone accorse per l’evento.   

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...