spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Un 31 dicembre da vivere sotto al palcoscenico con “Comici fatti di sangue”

    La comicità che nasce dal dolore “unico ingrediente necessario perché il riso sia portatore di verità masticate dal cuore” è l’unica che gli interessa descrivere ed è quella che Alessandro Benvenuti, in un lavoro drammaturgico condiviso con Ugo Chiti, porterà al Teatro Niccolini lunedì 31 dicembre alle ore 22.

     

    Come tradizione sancascianese vuole San Silvestro sale sul palco e veste i panni dell’attore, offrendo la possibilità di brindare con spumante e panettone a mezzanotte dopo lo spettacolo che quest’anno si tinge di noir (ma non troppo) con uno straordinario Benvenuti, interprete, regista e autore, insieme a Ugo Chiti, di “Comici fatti di sangue”. Presentato da Arca Azzurra Teatro, l’allestimento si compone di cinque monologhi dai quali emergono altrettanti esempi di dolorosa comicità.

     

    Un uomo diventa un assassino a causa della presenza in famiglia di un animale di troppo, e in tre capitoli a ritroso nel tempo racconta, ricordando, come un paradiso nato dall'incontro di un uomo e una donna può trasformarsi in inferno a causa di un tenero, indifeso, cucciolo di cane. Un padre, spinto da un insano amore e da un desiderio patologico di riscatto personale, tenta con ogni mezzo di estirpare dal cervello del figlio la natura 'bottegaia' della famiglia di appartenenza senza riuscirci. Una donna in coma, prima di spegnersi elenca al marito, che dorme al suo capezzale la lista di tutte le offese che le ha fatto patire in vita e la fine banale alla quale ha costretto la sua natura che era quella di una romantica sognatrice.

     
    Informazioni e prevendita: Teatro Niccolini 0558256388, Arca Azzurra 0558290137, Box Office della Toscana. Biglietti: platea e palco centrale 30 euro; palco laterale 25 euro.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...