spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 23 Settembre 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Compleanno speciale per il proposto della Collegiata, festeggiata nella Cupola del circolo Acli

    SAN CASCIANO – Un grande applauso ha riempito ogni spazio della “Cupola” del circolo Acli di San Casciano quando a entrare è stato don Massimiliano Gori, proposto della Collegiata di San Cassiano, che martedì 10 febbraio ha festeggiato i suoi quaranta anni.

     

    La sala, gremita e addobbata da palloncini colorati, ha visto coinvolti tantissimi fedeli (in particolare le massaie), che hanno allestito un buffet con tante prelibatezze.

     

    Alla festa si è unito anche il parroco di Montefiridolfi padre Rosario Landrini, il proposto emerito don Renzo Pulidori, don Bleader Pio, sancascianese di “adozione” e da pochi mesi trasferito a Campi Bisenzio, le suore della casa di riposo di “San Giuseppe” a Decimo e le suore della scuola dell’infanzia di piazzetta Simone Martini.

     

    Inoltre un caloroso saluto è stato portato dal sindaco Massimiliano Pescini e dall’assessore Chiara Molducci

     

    Altro momento di allegria è avvenuto per la “caccia la regalo del don”, che ha coinvolto giovani e anziani nel cercare il pacco.

     

    In seguito è arrivata la torta, o meglio le torte: una classica con quaranta candeline mentre l’altra, opera della bravissima Paola, era una stupenda e deliziosa torta decorata con simpaticissime immagini di pasta di zucchero, che ritraevano momenti di aggregazione religiosa davanti alla chiesa della Propositura, di Decimo e Argiano.

     

    Mentre in cima dominava un simpaticissimo sacerdote che altro non era che una riproduzione dell’amato… don Massimiliano.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...