spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    70 chilometri, 6 sentieri: giovedì 9 giugno si presentano i nuovi percorsi di San Casciano. Li sveliamo in anteprima

    Sei percorsi altamente suggestivi, immersi nelle bellezze del territorio sancascianese: li potete già vedere anche grazie a un QR Code

    SAN CASCIANO – Giovedì 9 giugno, dalle 21 presso l’Auditorium ChiantiBanca, in piazza Arti e Mestieri 1 a San Casciano.

    Si presenteranno qui i 6 sentieri tracciati dal CAI Firenze nel territorio comunale di San Casciano.

    Sei percorsi altamente suggestivi, immersi nelle bellezze del territorio sancascianese.

    All’incontro interverranno il sindaco di San Casciano, Roberto Ciappi, e i referenti del Club Alpino Italiano, sezione di Firenze, che si sono occupati del tracciamento.

    Tra terra, aria e acqua si sviluppano i percorsi nel cuore del Chianti fiorentino, frutto del nuovo progetto di segnatura e manutenzione della nuova rete sentieristica locale di San Casciano promosso dal Comune, al centro di un accordo siglato con il Club Alpino Italiano, sezione di Firenze.

    Li potete già trovare tutti e sei sul sito web del CAI. Sono raggiungibili anche grazie a un QR Code.

    I SEI SENTIERI

    1 – Anello di Calcinaia tra due piccole vallate con la storia sullo sfondoSentiero 450 (clicca qui)

    2 – Anello del Principe (Albergaccio di Machiavelli)Sentiero 452 (clicca qui)

    3 – Lungo la Pesa da Cerbaia a SambucaSentiero 453 (clicca qui)

    4 – Anello di Montepaldi Sentiero 454 (clicca qui)

    5 – Anello del CalzaioloSentiero 455 (clicca qui)

    6 – Anello del Terzona verso la Pieve di Santo Stefano a CampoliSentiero 451 (clicca qui)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...