spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 18 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La casa del popolo perde un pezzo della sua storia: addio Giampiero

    Dopo una malattia che non gli ha lasciato scampo se ne va, a 54 anni, un personaggio conosciutissimo in paese

    SAN CASCIANO – Il 2018 ci lascia con la triste notizia della scomparsa di un sancascianese di 54 anni, Giampiero Salvini, venuto a mancare dopo una brutta malattia che negli ultimi mesi lo aveva costretto in un letto d’ospedale.

     

    Giampiero è stato prima di tutto nella sua vita un grande lavoratore: manovale in un’azienda edile di San Casciano era infaticabile, nonostante il suo corpo minuto. Riusciva a fare da buon assistente ai maestri muratori, con competenza e precisione.

     

    Il sabato e la domenica lo si poteva trovare al circolo Arci in via dei Fossi, quasi come fosse la sua seconda casa.

     

    Lì, circondato da tanti amici, amava scherzare su tutto, era di compagnia, con un’unica grande passione, la Fiorentina, che ha seguito a lungo anche nelle trasferte.

     

    Una famiglia conosciuta a San Casciano la sua, fatta di lavoratori: aveva una gemella e un’altra sorella, con cui conviveva.

     

    Negli ultimi tempi la malattia lo aveva colpito in maniera seria, costringendolo a vivere i suoi ultimi giorni in ospedale, ma non sono mancati gli amici di sempre, oltre ai familiari, a fargli compagnia, a giocare a carte con lui.

     

    Anche la briscola era stata per tanti anni un momento cruciale da condividere al circolo, che da oggi ha perso un amico.

     

    La salma è esposta nella chiesa di Santa Maria del Gesù (Suffragio) in via Roma, a San Casciano. I funerali si svolgeranno lunedì 31 dicembre alle 15 nella Propositura di San Cassiano in piazza Cavour.   

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...