spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 26 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Restaurati grazie a un privato: sono di scuola fiorentina del XVI secolo

    PONTEROTTO (SAN CASCIANO) – Un piccolo gioiello è tornato a splendere grazie ad un privato che si è impegnato a riportare alla luce importanti affreschi di scuola fiorentina del XVI secolo, posti nella Cappellina situata sulla via Certaldese in località Ponterotto, subito dopo aver superato il ponte sul fiume Pesa per chi proviene da San Casciano in direzione San Pancrazio.

     

    Affreschi che durante il restauro hanno portato alla luce la data di esecuzione: "A DI. 13  DI SETTEMBRE 156…" oltre ad altri interessanti particolari. E non a caso il 13 settembre 2013 ci sarà la presentazione al pubblico, visto che gli attuali proprietari metteranno a completa fruizione della popolazione la Cappellina, con l'apertura completa.

     

    Torneremo presto a fornire altre notizie e approfondimenti storici riguardo la Cappelina nei prossimi giorni. Intanto, in anteprima, possiamo mostrare in esclusiva ai lettori del Gazzettino del Chianti alcune immagini scattate durante il restauro. Ringraziamo i proprietari per averci concesso quest’opportunità.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...