spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Luglio 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Turismo: 18enne sancascianese sbaraglia tutti e vince concorso nazionale

    Primo posto di Alessandro Ravegnani a "Culture of Hospitality 2019": il suo racconto

    SAN CASCIANO – Primo posto per il sancascianese Alessandro Ravegnani (classe 2001) al Concorso Nazionale “Culture of Hospitality 2019”, che si è svolto il 5 aprile nello chalet “Perla del Monte Rosa”, a Macugnaga, organizzato dalla Macugnaga Monte Rosa School.

     

    Lo studente, che attualmente frequenta il quarto anno di accoglienza turistica dell'Istituto Buontalenti di Firenze, si è presentato al concorso con una tesina intitolata “Le nuove tendenze del mercato turistico”, che gli ha permesso di partecipare alla competizione insieme ad altri dieci concorrenti.

     

    In ordine, il concorso prevedeva al mattino due prove scritte con domande a risposta multipla e a cruciverba in lingua italiana e inglese, di cui la prima prova basata su conoscenze di cultura generale.

     

    Mentre la seconda prova scritta proponeva ai candidati quesiti di cultura professionale relativi agli indirizzi di studio (accoglienza turistica per Alessandro).

     

     

    A seguire, nel pomeriggio, si sono svolte le due prove orali. La prima, alla quale hanno potuto partecipare tutti gli studenti, ha permesso di stilare una classifica provvisoria, nella quale Alessandro risultava terzo.

     

    Dunque, entrato tra i tre finalisti alla seconda (e decisiva) prova, lo studente sancascianese ha risposto correttamente alle tre domande della giuria, che riguardavano l'introduzione di robot come receptionist di alberghi, il significato di eco-tour e, infine, di Grand Tour.

     

    Alessandro ha risposto correttamente a tutte e tre le domande, vincendo così la prima edizione del “Culture of Hospitality”, seguito in classifica da Chiara Maran, allieva di quarta enogastronomia dell'Istituto Falcone di Gallarate (Varese) e da Alessandro Faedo, studente del quinto anno di sala e vendita del Berti di Caldiero (Verona).

     

    “Non pensavo nemmeno di essere selezionato tra i concorrenti – dice Alessandro – e quando l'ho saputo sono rimasto molto sorpreso. Non ho perso tempo, mi sono preparato per tutto marzo, ripassando gli argomenti di verifica e la tesina”.

     

    “Durante la gara – racconta con un sorriso – ero teso, anche perché alcune domande erano più specifiche di quanto mi aspettassi, ma ce l'ho messa tutta fino alla fine”.

     

    “E nel momento in cui ho realizzato di aver vinto – prosegue – ho provato davvero una grandissima emozione e soddisfazione”.

     

     

    Ai tre finalisti sono state consegnate tre borse di studio (1.000, 600, 300 euro), fornite dalla Macugnaga Monte Rosa School per frequentare corsi di formazione o aggiornamento, tra i quali Alessandro è intenzionato a partecipare, dopo il diploma, al master in “Ospitality e Management” tenuto dalla stessa scuola.

     

    Quali sono i progetti futuri di Alessandro? “Per il momento – dice lo studente – diplomarmi e ottenere il master della Monte Rosa School”.

     

    “Successivamente – conclude – considero l'idea di proseguire gli studi universitari o in economia o in enologia. Ma andiamo per ordine!”.

    di Cosimo Ballini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...