spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Mezzo della Misericordia di San Casciano, a bordo anche un paziente. Il sangue freddo dei volontari

    SAN CASCIANO – E’ solo grazie alla prontezza, il coraggio e il sangue freddo dei Fratelli della Misericordia di San Casciano che si è riusciti ad evitare una tragedia.

     

    E’ successo tutto questa mattina, mercoledì 7 agosto, lungo il raccordo dell’Autopalio che collega San Casciano allo snodo di Certosa. A raccontarcelo sono Mauro l’autista, Lino soccorritore. E Niccolò, anche lui soccorritore, tutti della Misericordia di San Casciano.

     

    "Eravamo intenti a trasportare un paziente presso l’ospedale di Ponte a Niccheri – dicono – arrivati all’altezza del cimitero militare americano dei Falciani abbiamo cominciato a sentire un cattivo odore nell’abitacolo, sembrava che qualcuno stesse viaggiando davanti a noi con il freno a mano tirato".

     

    "Poi – proseguono ricordando quegli attimi – improvvisamente dalla centralina sotto lo sterzo sono uscite delle scintille e in pochi secondi hanno iniziato a uscire fiamme e fumo".

     

    Prende la parola Mauro: "Subito ho rallentato cercando di portarmi sulla destra, riuscendo così ad avvicinarmi alla piazzola di sosta. A quel punto, siamo scesi per mettere in sicurezza il paziente e il parente che lo stava accompagnando. Lino, seduto accanto a me, ha afferrato l’estintore mentre io e Niccolò abbiamo sceso la barella".

     

    "In pochi attimi – sottolinea – siamo riusciti così ad evitare che il mezzo andasse distrutto dal fuoco: sarebbe stato davvero drammatico se non ci fossimo riusciti. Sotto la seduta di guida c’è anche la bombola di ossigeno, lascio immaginare cosa poteva succedere".

     

    Sul posto si è immediatamente recata un’ambulanza della Misericordia di Mercatale che ha provveduto a trasportare in ospedale il paziente. Che, teniamo a precisare, non ha subito nessuna conseguenza dell’improvvisa e forzata “sosta”.

     

    Un plauso va dunque ai volontari che, possiamo dire, oltre a non mettere a repentaglio la vita di nessuno, sono riusciti anche a limitare i danni all’ambulanza. E senza paralizzare il traffico sull’Autopalio, riuscendo a scongiurare l’intervento dei vigili del fuoco. Il mezzo successivamente è stato portato in officina dal soccorso Aci del Bargino.     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...