spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arci San Casciano, fra cena per la Festa della Donna e un super pranzo del Peposo con il “campione” Tiziano Baldi

    Venerdì 3 marzo serata tributo ai Beatles (ingresso libero); l'8 marzo pizzeria aperta e ingresso libero per le donne in discoteca con il complesso Argento Vivo

    SAN CASCIANO – Prosegue con grande frenesia l’attività del circolo Arci di San Casciano Val di Pesa, ti segnalo alcune iniziative per i prossimi giorni.

    Dopo il successo del concerto della cover dei Toto, prosegue la stagione concertistica con un evento eccezionale.

    Venerdì 3 marzo ci sarà nella sala polivalente un tributo ai Beatles con un folto numero di chitarristi provenienti dall’Accademia Musicale di San Casciano, dalla Scuola di Musica La Toscanina di Poggibonsi e dalla Scuola di Musica Il Pentagramma di San Gimignano. Ingresso gratuito.

    L’8 marzo, Festa della Donna, pizzeria aperta con menù alla carta. E, a seguire, per le donne ingresso gratis in discoteca con il complesso Argento Vivo (e omaggio floreale).

    Il 19 marzo infine, Festa dei Papà, gran pranzo con il Peposo Imprunetino, cucinato dal socio e volontario Tiziano Baldi.

    Più volte, con il suo rione delle Fornaci, trionfatore nel Peposo Day di Impruneta.

    Un pranzo veramente speciale per gli amanti dei piatti toscani: crostini misti, penne alla carrettiera, Peposo all’Imprunetina, lonza di maiale al forno, patate prezzemolate, fagioli all’olio, frittelle, Vinsanto, acqua  e vino della casa (25 euro, prenotazione obbligatoria allo 055820779).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...