spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Arci San Casciano, super pranzi comunitari da tutto esaurito: si replica il 25… con un menu spettacolare

    Grande antipasto, due primi, gran girarrosto del circolo e tagliata di bistecca, due dolci. Posti in rapido esaurimento...

    SAN CASCIANO – Un avvio di anno con il “botto” al circolo Arci di San Casciano.

    Dopo il pranzo di gennaio e quello a favore dei comuni alluvionati della Piana, anche il pranzo popolare domenicale del 4 febbraio ha avuto un successo straordinario.

    “Per cui – annuncia il presidente, Danilo Malquori – proponiamo per il 25 febbraio, alle ore 12.45, un pranzo spettacolare, sempre a prezzi popolari, che crediamo possa essere molto gradito, sia per la varietà e completezza del menù, che per la sua consueta qualità”.

    “Il circolo – aggiunge Malquori – vuole infatti offrire la possibilità di poter fare il tradizionale pranzo domenicale, caro a tante famiglie sancascianesi, con dei menù di grande qualità a prezzi popolari, che rispettino anche la tradizione della nostra cucina toscana”.

    “Ma l’attività del circolo non si limita alla ristorazione – tiene a dire Malquori – mentre prosegue il programma culturale di cui trovate i dettagli sul nostro sito o sulla pagina Facebook, è ripartito con gran successo il cineforum. Ci sarà tutti i martedì con ospiti alle proiezioni: anche qui controllate le date sul sito e pagina Facebook”.

    “Proseguono le serate di di burraco – conclude Malquori – che si tengono tutti i mercoledì sera, e l’attività della sala da ballo, con le serate del sabato e domenica e alcune serate di tango argentino il venerdì. Insomma, un circolo vivo e a servizio di tutta la cittadinanza”.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...