spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 30 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Artiste in cammino”: la mostra in biblioteca fino a domenica 22 ottobre

    Quattro amiche, Elisabetta, Fiamma, Daniela, Patrizia. E l'arte come passione che le unisce e le appassiona

    SAN CASCIANO – Con le musiche di Beethoven e Ravel, eseguite al pianoforte dalla giovane Rebecca Farulli, si è inaugurata sabato 14 ottobre nella sala delle conferenze della biblioteca comunale la mostra di pittura e scultura dal tema “Artiste in cammino”. 

     

    Mostra allestita nel segno dell’amicizia fra quattro signore che condividono insieme la passione per l’arte.

     

    Sono Elisabetta Cecchi che fin da bambina è stata attratta dalla manipolazione della creta. A quaranta anni la svolta: comincia a frequentare lo studio dello scultore Giorgio Butini e la Scuola Libera di Nudo di Firenze. Qualche anno dopo, un altro passaggio e l’iscrizione all’Accademia delle Belle Arti di Firenze dove si laurea nel 2007 col professor Pietro Beni.

     

    Nello stesso anno vince il premio per il concorso “Etichetta d’autore” indetto dall’associazione ART-ART in collaborazione col comune e l’Ente Festa dell’Uva Impruneta.

     

    "Credo che le sculture – dice – debbano compenetrarsi con lo spazio nel quale sono inserite ed è per questo motivo, che il vuoto crea forme come il pieno, inserendo il paesaggio circostante come elemento aggiuntivo".

     

    Fiamma Antoni Ciotti è laureata in Storia del Cinema, unisce alla propria attività di fashion designer, costumista teatrale e didatta, come sviluppo delle proprie abitudini creative, quella di ritrattista e illustratrice.

     

    Se nei suoi ritratti, i volti, le posture, gli sguardi delle persone, nonché gli animali domestici e gli oggetti affettivi del quotidiano sono mezzi di ricerca e di espressione di emozioni, caratteri e dell’ambiente, nelle illustrazioni di novelle per l’infanzia del mondo, cerca la poesia, lo stupore e il racconto.

     

    Daniela Reali, coltiva la propria espressività artistica rappresentando le forme viventi umani, animali e botaniche, con tecniche varie prediligendo l’uso dell’acquerello quale mezzo evocativo di profonde emozioni.

     

    Patrizia Gabellini, disegna e incide dagli anni '70. Ha conseguito il diploma di maestro dell’arte, diploma di pittura presso l’Accademia di belle Arti di Firenze, diploma in arte dell’incisione e della stampa (diploma accademico di primo livello), sempre presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, dove da anni è iscritta alla Scuola Libera del Nudo  prediligendo il disegno e l’incisione. Ha ricevuto numerosi riconoscimenti.

     

    La mostra rimarrà aperta fino  domenica 22 ottobre, in orario di apertura coincidente con quello della biblioteca comunale, mentre per domenica gli orari sono sono: 10-12.30, 17- 19.

     

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...