spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 3 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Aveva creato una piccola “fattoria” abusiva in un campo in via Borromeo: denunciato e multato

    Manufatti realizzati senza alcun permesso in area vincolata idrogeologicamente e paesaggisticamente: sanzione di 480 euro

    SAN CASCIANO – I militari della Stazione carabinieri forestali di San Casciano Val di Pesa, coadiuvati da personale della polizia Locale dell’Unione Comunale del Chianti Fiorentino e da personale dell’Ufficio Sanità pubblica veterinaria e sicurezza alimentare del dipartimento di Figline e Incisa Valdarno, si sono recati in via Borromeo, a San Casciano, per un controllo che ha accertato la presenza di manufatti e opere realizati abusivamente.

    Stiamo parlando di una gabbia metallica adibita a voliera, un recinto per stabulazione capre, una tettoia per ricovero animali, un’area circolare a fondo naturale per la movimentazione di cavalli, un tunnel ancorato al terreno adibito a ricovero attrezzi.

    E ancora, una strada a fondo naturale realizzata con mezzi meccanici e un recinto per cavalli di forma ellittica.

    Per quella che è parsa come una sorta di piccola “fattoria”: erano infatti presenti capre, cavalli, cinghiali e un gufo reale, tutti regolarmente detenuti.

    Tali opere sono state compiute in assenza del permesso di costruire ed in area sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico.

    I militari hanno dunque denunciato all’autorità giudiziaria per violazione della normativa edilizia e del codice del paesaggio, l’affittuario ad uso agricolo del terreno su cui insistono i manufatti, esecutore materiale delle opere e strutture.

    Un peccato probabilmente di ingenuità dell’uomo che, animato dalla sua passione verso gli animali, ha realizzato tali opere a fini ricreativi, senza però attivarsi per ottenere i titoli abilitativi. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua