spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Bardella, fra degrado e mancanza di sicurezza: i residenti adesso sono esasperati

    Il ponteggio di fronte all'immobile fatiscente lungo via Empolese è pericoloso. Sporcizia, un muretto crollato: "Non sappiamo più a chi raccomandarci"

    SAN CASCIANO – Non è una novità quella che i pedoni si trovano tutti i giorni ad affrontare lungo la via Empolese, al Bardella.

    Non tanto all’incrocio che va in via Argiano e via Leonardo Da Vinci, regolato da un semaforo pedonale a richiesta.

    Il tratto brutto e rischioso, seppur breve, quello dove l’unico marciapiede passa da sotto un ponteggio di un immobile fatiscente, per arrivare in via Fratelli Rosselli.

    “Non sappiamo più davvero a chi raccomandarci per far sì che l’unico tratto pedonale che porta in paese e viceversa, sia messo in sicurezza dei pedoni” ci racconta un gruppo di residenti.

    “Se prima c’era il pericolo di prendere in testa tegole e calcinacci – proseguono – lo stretto marciapiede adesso è ingabbiato, per terra ci sono erbacce e sporco che si accumula”.

    “Oltrepassato il ponteggio – continuano – siamo costretti a farci spazio tra i rovi che debordano da quello che una volta era un giardino, per poi fare anche gli “equilibristi”, mettendo scrupolosamente i piedi sulla striscia bianca che delimita la carreggiata, ben attenti a non andare oltre. Dove sfrecciano auto e autotreni”.

    “Impossibile passare sull’altro lato – rimarcano – dove il muro a sassi sembra lievitare, con sporgenze variabili su via Empolese, dove ogni tanto qualcuno “gratta” la carrozzeria. Mentre la parte del muro crollata nel 2015 ancora non è stata ripristinata”.

    Un altro residente ricorda i tempi passati sul muretto, dove c’era una fontanella alla quale in molti si fermavano per dissetarsi. Oggi rimane solo lo scheletro, mentre il muretto è stato “inghiottito” dalla vegetazione.

    “La pandemia ha fatto chiudere anche il bar . racconta un altro – In questo punto c’era una merceria, un negozio alimentare, un ortolano, in parte rinati poco più avanti, mentre è rimasta la macelleria, la parrucchiera e… il degrado che avanza”.

    “Tra l’altro a pochi passi c’è anche una struttura ricettiva – concludono – e tutto questo che abbiamo descritto non fa fare una bella figura ai proprietari. E anche a noi residenti”. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...