spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 5 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sconfitta per 3-1 in trasferta dopo cinque vittorie consecutive

    SAN CASCIANO – Il Bisonte sbatte sullo scoglio, e sui muri (18), di Pavia, e vede così interrompersi la sua striscia di cinque vittorie consecutive.

     

    Ed è un peccato, perché dopo il primo set la partita sembrava quantomeno alla portata, e in realtà anche nei successivi tre Pavia non è mai riuscita a schiacciare del tutto le azzurrine.

     

    Nei momenti decisivi però è sempre mancato qualcosa: rimonte quasi concretizzate e poi non chiuse, o completate ma non sfruttate, per bravura delle avversarie o per errori ingenui, e soprattutto un set point nel quarto, costruito dopo un lungo inseguimento, buttato via per una forzatura di Koleva in battuta.

     

    Chissà cosa sarebbe potuto succedere in quel tie break.. Invece Il Bisonte torna a casa con zero punti dal primo impegno del durissimo tour de force che porterà alla fine del girone d’andata affrontando tutte le big del campionato, ma anche con la consapevolezza che, almeno con Pavia, la squadra di Francesca Vannini se la può giocare.

     

    Prima del match Elena Koleva viene premiata in campo dal vicepresidente della Lega Volley Femminile Gigi Poma come miglior realizzatrice della serie A2 2012/13, e la bulgara va a schierarsi da opposto, con Vingaretti in palleggio, Bertone e Mastrodicasa centrali, Pietrelli e Lotti in banda e Parrocchiale libero. Braia risponde con Masino in regia, Frackowiak opposto, Moretti e Renkema bande, Devetag e Giuliodori centrali e Celeste Poma libero.

     

    L’inizio del match è equilibrato, ma Il Bisonte mette subito le cose in chiaro a muro con Mastrodicasa e Pietrelli su Frackowiak e Devetag (5-5). Il primo allungo è aperto da una gran palla di Vingaretti all’indietro per Koleva, poi sul turno in servizio di Bertone Mastrodicasa piazza altri due muri (quattro nel set) e grazie anche a qualche errore di Pavia Il Bisonte sale 8-17. Braia inserisce Nicolini per Masino e la Riso Scotti recupera fino al 17-20, poi Lotti interrompe l’emorragia, Bertone entra in partita e piazza tre punti dei suoi e Koleva chiude 21-25.

     

    Nicolini resta in campo anche nel secondo set, e l’inizio è equilibratissimo, con un gran gioco e grandi difese da entrambe le parti (10-10). Sul 12-11 Vannini inserisce Villani per Lotti, ma Pavia opera il primo allungo con Renkema e Frackowiak (16-13), anche se dal 18-14 Pietrelli e Koleva riescono a impattare sul 18-18. Qui però Il Bisonte non riesce a contrastare il nuovo break locale (20-18), e alla fine Renkema chiude 25-22.

     

    Nel terzo le padrone di casa salgono subito 9-4, poi sul 10-6 entra Giovannelli per Mastrodicasa, e il Bisonte recupera fino al 14-13, e poi 16-15, ma senza mai pareggiare. Pavia invece riesce sempre ad allontanarsi (19-15), e sul 22-17 Vannini inserisce Focosi per Vingaretti e Savelli per Koleva, ma a chiudere è Frackowiak per il 25-21.

     

    Il Bisonte comunque ha il merito di non mollare, Mastrodicasa torna a far punti (5-6) e sul 9-7 entra di nuovo Giovannelli, stavolta per Bertone. Il suo turno in battuta vale prima il pareggio (10-10) con un muro del capitano, poi il 10-13 con Pietrelli e Koleva, ma ancora una volta manca la forza di tenere il gap e Pavia può risalire sul 20-17, anche grazie a un ace fortunatissimo di Renkema.

     

    Le azzurrine trovano l’orgoglio per impattare con un muro di Koleva (21-21), la stessa bulgara trova gli attacchi che valgono il set point (23-24), ma poi va in battuta e forza troppo, sbagliando e dando l’input alla Riso Scotti per chiudere 26-24 con Frackowiak.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...