spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 18 Settembre 2021
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Botto nella notte di ieri: divelto un capitello in pietra della chiesa di Santa Maria al Prato

    Residenti e Fratelli in servizio alla Misericordia hanno fatto solo in tempo a vedere i danni. Forse le telecamere hanno immortalato il responsabile. Manufatto già rimesso al suo posto

    SAN CASCIANO – A cosa servono i capitelli in pietra sulla facciata della chiesa di Santa Maria al Prato (o della Misericordia), inglobati sulla facciata a ciottolo di alberese spaccato, lungo la via Morrocchesi?

    A protezione della stessa chiesa: uno di questi ha dimostrato la sua utilità, seppur scaraventato a qualche metro dalla sua collocazione, dopo che intorno alle 23 di martedì 15 settembre un mezzo (forse un camioncino) vi è andato a sbattere.

    Dopodiché, senza fermarsi per verificare il danno, l’autista ha proseguito transitando da sotto la “Porticciola” (o Porta al Prato) credendo di passare inosservato.

    Ma non è andata proprio così: chi abita a fianco della chiesa ha fatto un sobbalzo mentre era intento a vedere la televisione.

    “Ho sentito una gran botta – ci ha raccontato un residente – mi sono precipitato alla finestra per capire cosa fosse successo. E ho visto il colonnino in pietra e tanti altri pezzi sparsi per terra, ma nella strada non c’era nessuno”.

    Prima dell’incidente di stanotte

    La stessa forte botta l’hanno sentita anche i Fratelli in servizio di notte alla Misericordia, nella vicinissima sede di piazzetta Simone Martini, ma anche loro hanno potuto solo constatare il danno.

    Ma non si sono fermati lì, perché hanno chiamato i carabinieri che si sono recati sul posto.

    Ma l’avrà fatta davvero franca chi ha causato il danno?

    Pensiamo di no, perché poco distante dal sinistro sono sistemate due telecamere che hanno sicuramente immortalato il mezzo in “fuga”.

    Nella mattina di mercoledì 15 settembre è stato fatto un sopralluogo da parte dei tecnici della Misericordia.

    E, in pochissimo tempo, il capitello è stato riposizionato con cura da parte della ditta Restauri Edili e Monumentali Giuseppe Bartoli.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...