spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 8 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La rabbia di una cittadina che adesso si chiede: “Chi mi ripaga i danni?”

    Non è riuscita ad evitare quella buca che ormai da diversi giorni si è aperta sul lato della carreggiata all’inizio del viale Giovanni Pascoli, in un punto quasi inevitabile. In cui finirci con le ruote per chi proviene da Mercatale verso la “Stazione”, è pressoché automatico.

     

    Il cartello mobile di pericolo è stato fissato con un filo di ferro a un altro cartello stradale, quasi impossibile da vedere perché è rigirato verso il lato opposto, così l’altra mattina una signora residente a Mercatale, mentre si recava a lavoro in auto, ha preso in pieno la buca, danneggiando l’auto, dovendo  ricorrere all’autofficina, per fortuna proprio lì di fronte.

     

    "La prima cosa che ho fatto- racconta al Gazzettino – ho immediatamente telefonato in Comune, abbastanza risentita per il mancato intervento. Per non avere messo una “toppa” d’asfalto, ma anche per segnalare la pericolosità: se dentro ci fosse  andato un motorino o una  bicicletta, lascio immaginare cosa poteva accadere, visto che io ho rotto la macchina, ma mi è stato detto che l’intervento non era di competenza del Comune. Essendo una strada Regionale, deve intervenire chi fa la manutenzione stradale alla Regione".

     

    "Così – conclude – mi sono attaccata al telefono. Telefono che immancabilmente era sempre occupato, tanto che in tutta la mattina non sono riuscita a parlare con nessuno! Tutto questo è vergognoso. Chi mi risarcirà adesso del danno? Senza contare i disagi?".

     

    La signora non ha torto, noi giriamo la domanda a chi di competenza. Sempre che abbiano tempo e voglia… di rispondere.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...