spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Camilla Ciolli Mattioli: ricercatrice in Israele, fa gli screening sul Covid-19

    Il racconto della sancascianese: "Qui contro il Coronavirus prese misure come contro lo spionaggio o il terrorismo"

    SAN CASCIANO – Camilla Ciolli Mattioli, originaria di San Casciano, si è trasferita a Berlino per motivi di studio e poi a Rehovot, Israele. Nonostante l’emergenza in corso, continua a lavorare come ricercatrice scientifica.

    “La mia routine è la stessa – inizia – però adesso siamo solo in due-tre a lavorare: ogni giorno ci misuriamo la febbre e, dopo aver dichiarato che siamo sani, riceviamo una certificazione che ci autorizza a entrare”.

    “Molte facilities dell’istituto sono chiuse – spiega – quindi ti devi ingegnare. Per esempio io lavoro tanto al microscopio, che non è disponibile. Abbiamo chiesto di usare quello di un laboratorio amico, ma visto il limite al numero di persone che possono lavorare contemporaneamente, posso usarlo solo il weekend o la sera dopo le 19”.

    Anche a Rehovot la mascherina è obbligatoria e chi non lavora deve stare a casa. Si può uscire solo per fare la spesa, in un’area di 100 metri dalla propria abitazione.

    “Inoltre – aggiunge – hanno preso misure solitamente usate contro spionaggio e terrorismo, sul controllo dei cellulari. Mappano i movimenti della popolazione, per poter risalire a tutti i contatti avuti da chi si rivela affetto da Coronavirus”.

    “La maggior parte della gente è a casa – racconta – ma non ci sono persone per strada, a parte quelli che portano fuori i cani”.

    “La città è cambiata – prosegueCamilla – È deserta, anche se da qualche giorno ci sono molte più macchine. I mezzi pubblici funzionano, ma nessuno li prende. Il numero di passeggeri consentiti è limitato e chi va a lavoro si sposta con la propria auto”.

    “Tantissime aziende – procede – hanno mandato in vacanza obbligatoria i dipendenti senza dar loro uno stipendio. Sono considerati come disoccupati e il tasso di disoccupazione, che prima era al 4%, è salito a 25%. Dovrebbero ricevere un compenso dallo stato pari al 70% del loro salario e avere un lavoro assicurato quando finisce la pandemia”.

    “Io sono fortunata – ammette – perché sto continuando a percepire il mio stipendio. Inizialmente non avevo molta voglia di andare a lavorare in questa situazione. È positivo, perché mantieni una routine, ma non ero motivata”.

    Da qualche giorno, però, nell’istituto hanno dedicato due laboratori ai test di screening sul Coronavirus, per alleggerire il lavoro degli ospedali: “Hanno richiesto la partecipazione di volontari – spiega ancora Camilla – e io ho deciso di aderire. Abbiamo tutto ciò che serve per eseguire i test. I turni dei volontari sono due al giorno e ognuno di noi ha un ruolo specifico che non cambia mai”.

    “Inizialmente – confessa – qui in Israele hanno avuto un po’ di problemi con la comunità ortodossa che ha un suo capo a dare le direttive. Le regole del social distancing non sono state messe in pratica subito, quindi ci sono stati dei focolai di infezione. Tra l’altro il ministro della sanità è ortodosso e ha preso il Coronavirus”.

    Nel tempo libero, Camilla si dedica all’orto, che al momento è la sua attività preferita: “Non siamo abituati all’isolamento – conclude – e la cosa che fa più strano è che non so quando potrò tornare a casa, né andare a Berlino a trovare gli amici”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...